L’inizio dell’anno nuovo è il periodo dei sani propositi: il corso di lingue, l’iscrizione in palestra, la dieta, soprattutto in seguito  alle varie cene a cui abbiamo partecipato da poco. E che dite della vostra casa?

Anche lei del resto ha bisogno di un nostro intervento e quindi fare un’opera di decluttering è proprio quello che ci vuole.

Che il nostro appartamento sia grande o piccolo tutte noi abbiamo delle stanze o delle nicchie della nostra casa che potremmo considerare la zona degli orrori. Spesso si tratta di uno sgabuzzino o anche solo un cassetto in cui riponiamo alla rinfusa oggetti di cui non sappiamo cosa fare ma che non ci decidiamo mai a disfarcene.

E poi, proprio ora con le vacanze appena passate e i regali ricevuti che non ci sono piaciuti, abbiamo pensato bene di riempire ulteriormente questi spazi.

Quindi che fare? C’è una unica strada: decidersi per una volta di dare vita nuova alla nostra casa così liberarci degli oggetti ingombranti e inutili.

Non c’è bisogno di partire in quarta un giorno e iniziare ad aprire cassetti, armadi, controllare sotto i letti o sopra gli armadi, mettere a soqquadro la cantina o il box. Anzi se facciamo tutto di corsa, pensando di risolvere in poco tempo la situazione e senza una pianificazione a monte ben studiata, rischiamo di sentirci sopraffatte e stanche fin dall’inizio e magari di bloccarci ancora prima di partire con il lavoro fatto in modo serio.

Vi consiglio invece di affrontare il decluttering della vostra casa con un piano ben definito, scrivendo su un’agenda da dove iniziare e di cosa intendete disfarvi.

organizzazione-decluttering-casa

Procedendo quindi in modo sistematico, occuparsi degli spazi e degli oggetti della vostra casa diventerà più semplice e soprattutto riuscirete a vedere e toccare con mano gli effetti del vostro decluttering.

Per cui, da dove iniziare?

Per prima cosa prendete un’agenda e fate un giro per la vostra casa. Man mano che passate davanti a uno spazio che necessita di intervento, scrivete la stanza, l’ubicazione e gli oggetti che creano disordine o sono ammassati.

Poi, con il calendario sotto occhio, segnate quando intendete occuparvi di una stanza in particolare e di quali oggetti. Dovete essere specifici e non scrivere un generico “abbigliamento o camera”.

Per fare un esempio: maglioni invernali del cassettone in corridoio oppure costumi da bagno dell’armadio in camera da letto. Nello stesso tempo scrivete il giorno preciso in cui vi occuperete di quella categoria di oggetti, segnando in quale stanza sono ubicati, definendo fin da subito se lasciarli lì oppure spostarli con le categorie affini. Il giorno X non abbiate paura e disfatevi di quello che non vi piace, non vi sta più bene, è rovinato e così via…

Non esiste una regola precisa e definitiva circa i tempi, salvo il fatto che una volta che iniziate dovete portare a termine tutto il decluttering della vostra casa, altrimenti il rischio resta quello di spostare gli oggetti da un posto all’altro senza trovare loro una collocazione definitiva. Pianificazione e organizzazione sono infatti le parole chiave.

vita-nuova-casa

Potete decidere di occuparvene per un’ora ma tutti i giorni, oppure un giorno alla settimana, o i week-end. Questo dipende chiaramente sia dalla quantità degli oggetti che dovete considerare sia dagli altri vostri impegni familiari o lavorativi.

La cosa importante è: prima di iniziare a definire un programma ben dettagliato e partire, decidete con l’intenzione di andare fino in fondo senza perdervi d’animo.

L’effetto finale sarà di grande soddisfazione. Provare per credere!

Daniela Pellegrini