Il Giorno del Ringraziamento è una festa di origine cristiana, osservata negli Stati Uniti e in Canada, per ringraziare Dio per il raccolto e per tutto quanto ricevuto durante l’anno appena trascorso.

Tradizione antica che risale ai padri Pellegrini, il Thanksgiving Day prevede un pranzo a base delle pietanze che i Pellegrini avevano potuto conoscere nel nuovo continente, nella fattispecie il granturco, la zucca ed i tacchini.

La festa è molto sentita dagli statunitensi, i quali, ovunque nel mondo, la onorano preparando pranzi elaborati, il cui piatto principale è il classico tacchino, che viene offerto anche ai vicini di casa e alle persone meno fortunate.

I tipi di condimento del tacchino sono:

  • Nelle cittadine del sud vige l’abitudine di condire la carne con la focaccia di granturco, secondo la tradizione del “ciò che si ha, si usa”.
  • Nel nord degli Stati Uniti il tacchino viene condito con il wild rice, una tipica specie di riso americana.

Tipica del pranzo del Thanksgiving è anche la salsa di ossicocco (mirtillo palustre o cranberry), fatta con bacche fresche o congelate. Un altro piatto tradizionale di questa festività sono per molti le patate dolci, unite a zucchero, spezie e burro, lo yam, o anche la torta di zucca, secondo la tradizione si mangiano anche biscotti fatti in casa.

tacchino-ringraziamento

Ingredienti

  • 1 tacchino intero circa 3/4 kg
  • 1 limone
  • 40 gr burro
  • 1/2 bicchiere di brandy
  • rosmarino
  • olio extra vergine
  • sale

Per la farcia

  • 800 gr di castagne già lessate
  • 500 gr di pane raffermo
  • 80 gr di burro
  • 1 cipolla
  • 1 gamba di sedano
  • erbe aromatiche (rosmarino, prezzemolo, maggiorana, timo)
  • sale e pepe

Procedimento

Pulite il tacchino eliminando le interiora, fiammeggiarlo per eliminare eventuali residui di piumaggio e lavarlo bene asciugandolo con della carta da cucina.

Tagliate il limone a metà e passatelo su tutto il tacchino.

Fate ammorbidite a temperatura ambiente il burro e spalmatelo su tutta la carne.

Preparate il ripieno per il tacchino.

Sminuzzate con un coltello le castagne già lessate.

In una padella mettete il burro con la cipolla e il sedano tritati molto finemente e lasciate stufare per 5/6 minuti a fiamma dolce.  Unite il pane tagliato a cubetti piccoli e privato della crosta, le castagne, le erbe aromatiche tritate finemente. Amalgamate gli ingredienti, regolate di sale, pepate e fate cuocere per una decina di minuti bagnando con del brodo se risultasse troppo asciutto ma ricordate che alla fine deve rimanere asciutto.

Quando il composto sarà raffreddato, lavoratelo con le mani per compattarlo e farcite il tacchino.

Mettete il tacchino del ringraziamento in un capiente tegame con qualche cucchiaio di olio a coprire il fondo, aggiungete un paio di rametti di rosmarino sotto le ali e mettete nel forno già caldo a 180°.  Dopo mezz’ora circa  giratelo sotto sopra e bagnate con il brandy. Il tacchino deve cuocere un paio d’ore ma ogni mezz’ora dovete girarlo e bagnarlo bene con il suo condimento in modo che non rimanga asciutto.

Potete servire il tacchino con delle patate al forno cotte a parte o unite nel tegame, se abbastanza capiente, quando manca mezz’ora al termine della cottura della carne.

Viste le notevoli dimensioni del tacchino, non è insolito avere degli avanzi: approfittatene per avere del cibo di scorta nel congelatore per una cena improvvisata all’ultimo minuto. Tagliate a porzioni la carne avanzata e abbattatelo con Fresco Irinox. Con la funzione “surgelazione rapida” si mantiene la qualità del cibo cotto e si riduce notevolmente la possibilità di proliferazione batterica. Quando avrete voglia di mangiarne ancora sarà sufficiente utilizzare Fresco Irinox nella funzione scongelamento per ottenere una carne morbida come appena cucinata.

come-riciclare-tacchino-ringraziamento

L’idea in più è quella di utilizzare il petto per dei gustosissimi sandwich da gustare nei giorni in cui avrete meno voglia di mettervi ai fornelli

Barbara