Skip to content

Abbigliamento moto: consigli per capi da vero motociclista

L’estate è terminata, le ferie se ne sono andate e, come ogni anno, ci rimane “Il prossimo anno devo ricordarmi di…”, per questo ho deciso di scrivere ora questo post con i miei suggerimenti per l’abbigliamento estivo del motociclista.

Innanzitutto ricordo che l’abbigliamento è parte integrante della moto,  sia dal punto di vista di tutela del motociclista che, diciamolo, dal punto di vista estetico. Vedere il motociclista coordinato alla moto è un bel vedere per tutti.

Chi, come me, guida una moto di grossa cilindrata in estate, sotto il sole, può rischiare di vedersi tramutare una bella gita in una discesa verso l’inferno. Il calore sprigionato dalla cavalcatura a dalle temperature elevate non è in effetti piacevole. Per ovviare a questa criticità alcuni motociclisti scendono a compromessi con la sicurezza personale, andando in moto in t-shirt e calzoncini, senza indossare l’abbigliamento tecnico.

Il mio primo consiglio è il più importante di tutti. Al di la delle vostre scelte su marche di abbigliamento, modelli, tessuti e tutto ciò che volete non rinunciate MAI e poi MAI alle protezioni. Anche in estate, meglio sudare un po ma essere protetti. E’ bene ricordare sempre che la strada è pericolosa e che fra noi e gli automobilisti, siamo noi a subire i danni maggiori in caso di incidente.

Il pensiero “tanto vado dietro l’angolo a fare benzina” non è una buona ragione per non essere prudenti. Anche dietro l’angolo può nascondersi il destino ed è meglio che sia roseo.

Alla fine la regola madre del motociclista dovrebbe essere per tutti “l’asfalto è sempre più duro delle ossa”.  Quindi protezioni sempre e comunque. Giubbetto, pantaloni e stivali vanno sempre indossati.

Dalla nostra abbiamo al fortuna di vivere negli anni 2000, fortuna che fa si che le aziende produttrici di abbigliamento tecnico ci vogliono bene e pensano a noi. Da qualche anno sono in vendita capi tecnici intimi che garantiscono una buona areazione.

Veniamo ora al giubbotto, quest’anno ha attirIMG_0614ato la mia attenzione un prodotto della Dainese, l’Air Crono Tex in tessuto traforato. Il prezzo si aggira attorno alle 160/190 € in base alle differenti offerte. Ovviamente a fine estate i rivenditori applicano degli sconti superiori, acquistare un prodotto in questo periodo per utilizzarlo l’anno successivo può essere un modo per risparmiare.

Sempre sul tema del risparmio, vi consiglio di non acquistare dei prodotti economici e di bassa fascia, la nostra sicurezza non è barattabile.

Ma quali caratteristiche dobbiamo tenere in considerazione per la scelta di un giubbetto?

  • Una volta indossato deve avere un’ottima calzata e deve risultare un giubbetto leggero;
  • Deve avere protezione ai gomiti ed alle spalle;
  • Deve avere la possibilità di rimuovere la protezione per la spina dorsale. Fermi tutti, non sono impazzito! Vi consiglio di indossare sempre il paraschiena esterno, più rigida e che meglio segue il movimento della schiena, e più efficace in termini di protezione rispetto a quella in gomma piuma inserita nel giubbetto;

 

Come scegliere il paraschiena esterno:

Esistono differenti classificazioni di protezione in base alla loro resistenza agli urti, io vi suggerisco di scegliere una classificazione G1/G2. Se, come me, usate la moto 12 mesi l’anno e macinate kilometri su kilometri, allora dovreste pensare ad una protezione esterna che svolga anche una funzione di supporto lombare.

E i guanti? Questa estate ho acquistato i guanti Flasf r della Spidi. Si tratta di un modello corto, dal design aggressivo con inserti in microfibra e sono realizzati in un tessuto elasticizzato ad alta resistenza. Sul dorso sono posizionate le protezioni Powertech (uno scudo in poliuretano a densità variabile) con prese d’aria per mantenere le mani sempre fresce. Infine sono state posizionate delle fasce in neoprene sulle dita per garantire la migliore presa sui comandi. Non un semplice guanto, quindi, ma un piccolo gioiello di tecnologia. Il costo si aggira attorno ai 40€.

Ecco quindi cosa è importante considerare per l’acquisto dei guanti:

  • Lunghezza della calzata (corto-lungo in base alla stagione ma anche alla vostra abitudine di guida);
  • Protezione del dorso e delle dita;
  • Elasticità nei movimenti della mano;
  • Areazione per mantenere le mani fresche;
  • La presenza di materiale, come il neoprene nel caso dei guanti Flash r della Spidi, che garantiscano presa sui comandi;

Un consiglio in generale per ogni capo di abbigliamento: provatelo e calzatelo anche 20 minuti prima di procede con l’acquisto. Provate 2 differenti misure, fate vari movimenti, simulate quelli che abitudine assumete in moto. La 2^ parola d’ordine dopo la sicurezza è “comodità”. Nulla mai ci deve limitare nei movimenti. Il capo di abbigliamento non deve essere troppo stretto ma nemmeno largo e svolazzare a causa delle turbolenza che si affrontano durante la guida.

Chiedete sempre le certificazioni per i materiali e leggete le indicazioni di manutenzione e lavaggio, in estate le strade sono piene di moscerini. Capi facilmente lavabili facilitano la vita di tutti.

In conclusione, con un abbigliamento adeguato il caldo non si sente, io personalmente questa estate, e dicono sia stata una delle estati più calde da molti anni, ho viaggiato per lunghi tragitti in zone molto calde senza risentirne in alcun modo.

 

Per oggi vi saluto e buona strada come sempre!

Riccardo

Articoli correlati

Categorized: MOTORI
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.