Skip to content

BIMBI IN AUTO: I 5 ERRORI DA NON COMMETTERE PIU’! #IloveMyCybex

CYBEX SCENDE IN CAMPO PER UNA NUOVA EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA

Quando si parla di sicurezza in auto, noto spesso in negozio che, se da un lato sempre più genitori sono informati e propensi ad un certo tipo di spesa, dall’altro c’è ancora tanta disinformazione e qualunquismo.

Per questo non è mai troppo ripetitivo insistere sugli errori più comuni commessi dai genitori in questo ambito, errori che ai più sembreranno banali ma che sarebbe bene tenere a mente per evitarli ogni volta che si sale in auto coi bimbi.

Tanto devo fare poca strada

Una volta i seggiolini non c’erano e stiamo tutti bene

Mi basta un seggiolino qualunque tanto io ho una guida sicura (giuro ho sentito anche questo!)

Sono tutte frasi che, ahimè, sento ancora troppo spesso ma che non andrebbero mai -dico mai– non solo pronunciate ma nemmeno pensate. Riflettete, vi verrebbe mai in mente di dire “Non faccio la polizza sulla vita perché tanto non morirò mai?”.

E chiaro che gli errori di cui stiamo per parlare sono dettati quindi non solo dalla leggerezza e dalla distrazione, ma da una vera e propria non cultura alla sicurezza.

Un impegno importante in questo senso è quello che sta dimostrando CYBEX, azienda tedesca (mi spiace dirvelo ma…i tedeschi lo fanno meglio!) leader da anni nella produzione di seggiolini auto di qualità, che ha deciso di investire nella formazione presso i punti vendita in Italia creando degli eventi ad hoc che coinvolgano negozianti e genitori per educare concretamente alla sicurezza in auto, risolvere i loro dubbi e fornire una guida all’acquisto del seggiolino ideale.

Vediamo allora quali sono questi MACROSCOPICI errori dettati dalla cattiva educazione alla sicurezza, quelli più commessi dai genitori e dai nonni quando si tratta di viaggiare in auto coi bimbi:

1. SOTTOVALUTARE I TRAGITTI BREVI

E’ un dato statistico: il 40% degli incidenti mortali riguardanti i bambini si verifica durante percorsi inferiori ai 3 km. E’ soprattutto quando si tratta di tragitti brevi che la pigrizia e la fretta purtroppo vincono sul buonsenso e il bimbo non viene allacciato sul seggiolino o vi viene sistemato in maniera sbrigativa ed errata.

2. SOTTOVALUTARE LE AUTO SECONDARIE

Sulla macchina dei nonni o su quella che in casa si usa meno si tende sempre a mettere seggiolini usati (magari non integri o con omologazione scaduta) o di scarsa qualità o ancora di errata categoria per il peso del bimbo. Sinceramente, proprio perché mio figlio è in mano altrui, preferisco tutelarlo ancora di più e dotare quell’auto di un seggiolino più sicuro possibile.

3. SCEGLIERE UN SEGGIOLINO SOLO IN BASE A IMBOTTITURA, RECLINAZIONE, FORMA E COLORI

Capita che il cliente che entra in negozio per acqistare un seggiolino si limiti, come criterio di scelta, a tastarne l’imbottitura, guardare quanto si reclina e chiedere i colori disponibili. Ci sono seggiolini apparentemente spartani che in fatto di sicurezza hanno una marcia in più. Inoltre sappiate che la reclinazione non va di pari passo con la sicurezza!

4. INSTALLARE UN SEGGIOLINO NON CORRETTAMENTE, NON LEGGERE LE ISTRUZIONI DI MONTAGGIO O FARNE UN USO …FANTASIOSO

Non basta acquistare un seggiolino per mettere il bimbo in sicurezza! Bisogna ovviamente assicurarsi che venga montato correttamente. Se il seggiolino e l’auto sono dotati di sistemi d’attacco isofix il margine d’errore nel montaggio si riduce notevolmente, altrimenti bisogna assicurarsi di legarlo facendo passare le cinture nei punti giusti. Inoltre bisogna assicurarsi che anche le cinture che cingono il bimbo siano legate correttamente, non attorcigliate e siano ben aderenti al busto del bambino.

Abbiate sempre cura di conservare le istruzioni assieme al seggiolino!

5. CONSIDERARE UN SEGGIOLINO UN INGOMBRO, ACUISTARLO SOLO PER EVITARE SANZIONI E AVERE FRETTA DI SBARAZZARSENE PRIMA POSSIBILE

Noto sempre più spesso l’urgenza di sistemare bimbi ancora piccoli su un rialzo (seduta omologata certo, ma che non dà assolutamente sicurezza in caso di frenata brusca o incidente) per eliminare poltroncine (magari con sistemi evoluti contro gli impatti laterali) perché ritenute ingombranti.

Proteggere un bambino in auto è un dovere legale ma prima di tutto un atto d’amore, non c’è nulla di più importante da trasportare in auto se non il vostro bimbo.

Questo è solo il primo di una serie di 6 post realizzati a vostra grande richiesta per la sicurezza dei nostri bambini. Ho scelto di portare ad esempio Cybex sia per l’impegno di ricerca e sensibilizzazione costante in questo ambito ma anche per la vasta gamma di prodotti di altissima qualità che mette a punto per i nostri piccoli viaggiatori. Nei prossimi post affronteremo il tema dei seggiolini divisi per gruppi, cercheremo di sfatare alcuni luoghi comuni e capiremo insieme come scegliere il seggiolino auto ideale per il vostro bimbo.

Alla prossima con il post sugli ovetti!

#LoveMyCybex

Sara

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.