Skip to content

Biscotti Di Leo: senza olio di palma. Da 25 anni l’etica al primo posto

Di Leo Pietro SpA nasce come un piccolo forno di paese nel 1860, per poi diventare una impresa specializzata in biscotti che coniugano ricette tradizionali con consumi moderni

con particolare attenzione al tema salutistico, degli ingredienti naturali e dell’innovazione di prodotto.

Già agli inizi degli anni ’90 Di Leo ci stupisce con la sua scelta innovativa di realizzare il primo biscotto con solo olio di mais, senza burro o altri grassi: nascevano i Fattincasa Di Leo.

Di Leo risulta infatti la prima azienda a comunicare sul pack l’assenza di tale grasso, ed oggi che il tema è più che mai attuale viene confermata e ricordata la scelta fatta già 25 anni fa.

Dell’olio di palma avevamo già parlato su questo articolo, scoprendo che l’olio di palma, pur essendo di origine vegetale, è una fonte importante di grassi saturi e dunque da limitare il più possibile. Anche l’Istituto superiore di Sanità ha confermato che un eccesso di assunzione di acidi grassi saturi nei bambini è dovuto in misura rilevante all’uso generalizzato del palma in molti prodotti da forno come merendine, biscotti, grissini, cracker, fette biscottate. Basterebbe sostituire l’olio di palma con altri oli più ricchi di grassi insaturi (olio mais, girasole, oliva) per normalizzare l’assunzione di grassi saturi.
Buzzoole
Quella della famiglia Di Leo è una storia fatta di ingredienti semplici e genuini come la passione per il proprio lavoro, la voglia di crescere e innovare pur nel rispetto della tradizione, la volontà di tramandare valori e capacità di generazione in generazione.

E lo sapete, a noi di Chizzocute queste storie piacciono tanto.

 

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione