Chiudono le scuole, cominciano le vacanze e le madri che possono farlo si trasferiscono in massa sulle spiagge assolate con i loro adorabili pargoli.

Ecco 4 tipi di mamme da spiaggia che potreste benissimo incontrare come vicine di ombrellone, tutte munite di una morbidissima ciambella salata di feta e menta per la merenda da ombrellone.

  1. La mamma esausta

    Quella che arrivata a giugno sogna una sola cosa: un resort alle Maldive. Da sola.

    Si ritrova invece a Milano Marittima con 3 figli e carica come se stesse espatriando: due enormi borse di paglia, una borsa frigo, gonfiabili di ogni genere. Passa la giornata sempre in piedi a controllare le azioni dei 3 che le sono toccati in sorte. Urla i loro nomi 12 volte al minuto, cercando di impartire ordini di ogni genere, ma senza successo. Si siede stremata solo a fine giornata quando, al sesto tentativo, riesce a ficcarli tutti in macchina. Giurando a se stessa di abbandonarli alla prima piazzola di sosta…

  2. La mamma “No, a mamma, no!”

    Quella che arriva in spiaggia e impedisce ai figli di fare la qualsivoglia. Non ci si muove dall’ombrellone, non ci si muove dalla riva, non si va da soli al bar, non si sta al sole senza spalmare la protezione ogni 15 minuti, non si fa il bagno appena arrivati, non si fa il bagno prima di andare via, non si fa il bagno dopo aver mangiato un ghiacciolo. A fine giornata i bambini firmano una petizione per l’apertura delle scuole in estate.

  3. La mamma “Chiuso per ferie”

    Cioè quella che deposita i figli sulla spiaggia e poi non vuole saperne più niente.

    Arriva nelle ore più calde, prende posizione supina sotto l’ombrellone e lascia i figli a loro stessi. E al resto dei presenti che devono sorbirseli nella sua completa indifferenza. Così loro scavano buche grandi come crateri, organizzano campionati di calcio tra un asciugamano e l’altro, corrono su chiunque, promuovono rave party sul bagnasciuga. Lei prende vita solo a fine giornata, quando si alza dal lettino, raccatta i bambini che trova nelle vicinanze e li porta a casa. Indipendentemente dal fatto che siano i suoi o no…

  4. La mamma centralinista

    Quella che arriva in spiaggia parlando al cellulare e la lascia parlando al cellulare. Passa la giornata chiamando parenti e amici, scattandosi selfie mentre prende il sole, mentre nuota, mentre scala uno scoglio, compra un gelato, flirta con il bagnino. Scrive post in cui racconta come sia bello andare al mare con la prole. E quando finalmente si decide a postare una foto con i suoi amati figli, sia accorge di non averli portati…

Ciambella di feta e menta con pomodorini freschiMa di cosa si nutrono queste mamme da spiagge durante queste intense ore al mare? Ma di una ciambella salata di feta e menta, facile, buona e veloce, perfetta per tutta la famiglia (quando non la dimenticano…)!

Prendete una ciotola e riempitela con 150gr. di farina, 1 bustina di lievito istantaneo per torte salate e 100ml. di olio evo e amalgamate bene. Aggiungete poi 2 uova medie, una alla volta e mescolate. Poi 1 vasetto di yogurt greco al naturale, 1 cucchiaino di miele, 50gr. di parmigiano grattugiato, 1 pizzico di sale e pepe1 cucchiaio di semi di sesamo, mescolate.

Ciotola con l'impasto per la ciambella feta e mentaAggiungete, infine, la feta sbriciolata grossolanamente e le foglioline di menta fresca (a vostro gusto). Impastate e versate in una teglia da forno (io ho scelto quella da ciambella) oliata e cosparsa di pangrattato. Versate l’impasto del nella teglia e cospargete con semi di sesamo.
Fate cuocere la ciambella salata di feta e menta in forno preriscaldato a 180° C per 25/30 minuti circa.

Ciambella feta e menta appena sfornata

Poi portatela al mare o usatela per accompagnare un’insalata greca.

Alessandra Bruni