Skip to content

Cosa guardiamo oggi?

Avete presente quei momenti in cui guardate i vostri figli e vi viene la nostalgia di quando eravate bambini? Ecco…oggi guardavo Dario che ammirava estasiato un cartone di Peter Pan, ma non il Peter che guardavo io con il naso a patata e le orecchie a sventola, ma un Peter spigoloso, in 3d, con una Wendi fasulla con i capelli castani e non biondi.

Ma che fine hanno fatto i cari e vecchi cartoni della nostra infanzia? Che fine hanno fatto Candy Candy, Papà Gambalunga, Georgie, Lady Oscar? Quei cartoni ricchi di sentimento e di pathos… Eppure vi dirò che, tralasciando la nostalgia, devo ammettere che qualcosa di buono rimane anche oggi, ho rivalutato persino l’odiata Peppa Pig (odiata solo dai genitori, perché i bambini vanno in visibilio quando la vedono), e adesso vi dico perché secondo me tanto male non è.

Peppa Pig conquista perché comunica in modo semplice e chiaro, perché ha pochi personaggi e tutti facilmente riconoscibili, perché viene disegnata in modo che i bambini possano facilmente riprodurla. Insomma, è al loro livello. E poi trovo che abbia anche un che di educativo: una famiglia con dei ruoli ben definiti, dove vige il rispetto e l’aiuto reciproco, e ogni puntata alla fine ha sempre un insegnamento, che sia un tutorial su come rifarsi il letto, o il messaggio che condividere i giochi con gli amichetti sia più divertente, o che il non dire le bugie abbia dei vantaggi.
Poi c’è Dora l’esploratrice, una bambina che se ne va in giro ad esplorare il mondo rivolgendo delle domande agli spettatori, anche in inglese, infrangendo così la quarta parete e quindi coinvolgendo il bambino che si sente parte attiva del programma.

I Baby Looney Tunes poi sono il connubio perfetto tra genitori nostalgici, come me, e modernità, perché riscopre i nostri vecchi e cari cartoni e li ripresenta in una veste più bambinesca, donando a ciascun episodio un “morale della favola” educativo.
Anche La Casa di Topolino rientra nella mia classifica di programmi utili, che presenta ai bambini delle sfide da risolvere utilizzando le abilità di base come contare, riconoscere oggetti, forme e colori.

Insomma, credo che la mezz’ora di tv concessa durante il giorno possa essere alzata a 45 minuti, ma supervisioniamo sempre, perché anche tra i cartoni animati si presentano insidie, a volte anche compromettenti per la salute e la psiche. Ma di questo ne parleremo un’altra volta in un post dedicato!

Alla prossima, Loredana

Categorized: Mamma & bimbi
Barbara Chizzolini

La Chizzo

Un caban in cashmere avvolgente e un paio di jeans veloci, un filo di Chanel peonia sulle labbra e Hunter colorati ai piedi.
Sono io, Barbara: una vita a colori e un mix and match di contrasti ai quali non saprei rinunciare!
Un lavoro nel mondo frenetico del digital, fatto di strette di mano e vita mondana, e una casa immersa nella natura e nella pace da condividere con le persone che amo, la mia famiglia. Qui troverai maggiori informazioni su di me

All posts by La Chizzo