Skip to content

Dalle culottes al pantalone palazzo: ecco come abbinarli

 

Lasciamoci alle spalle colori scuri e tessuti pesanti per dare colore e leggerezza all’armadio, è in arrivo la primavera!

Il capo protagonista della stagione passata è stato il pantalone culottes, comodo ed elegante, estremamente versatile e destinato a trasformarsi nei materiali e nelle fantasie per accompagnarci nella primavera/estate 2016.

Di cosa stiamo parlando? Del pantalone palazzo, un classico degli anni settanta, iper femminile e che sta bene a tutte, basta seguire alcune regole fondamentali per esaltarne le caratteristiche:

Leggi anche: Jeans strappati low cost

1- LUNGHEZZA

Il classico arriva fino ai piedi e spesso copre le scarpe lasciando intravedere solo la punta, ma si è diffuso anche il modello alla caviglia perfetto per le taglie petite.

2- LARGHEZZA

Il pantalone palazzo si distingue per la larghezza della sua gamba, a differenza del pantalone a zampa o del bootcut che si allargano solo dal ginocchio in giù, parte morbido già dalla coscia creando un effetto gonna lunga grazie ai tessuti con cui viene realizzato come la seta o il raso. Anche la versione denim ha il suo perché; essendo un tessuto un po’ più rigido, si nota perfettamente il taglio particolare del pantalone.

3- VITA

Questo modello va portato a vita alta, solo così si slancia la figura e si mettono in risalto le curve. Non mi riferisco solo ai fianchi prorompenti, ma a quelle linee che rendono sensuale ogni donna. Proprio per la vita alta, i pantaloni palazzo sono consigliatissimi a chi ha la vita stretta e possono essere un punto di forza per le taglie petite che, con un po’ di tacco, non avranno nulla da invidiare alle colleghe ‘gambalunga’.

4- PROPROZIONI

È un capo importante perché cattura l’attenzione perciò gli abbinamenti sono molto importanti ed è bene prestare attenzione alle proporzioni. Gli abbinamenti con i maglioni over sono pericolosi e un po’ azzardati, meglio puntare su qualcosa di minuto per bilanciare: un crop top, una t-shirt aderente, una camicia stretch… Se si vuole portare con una giacca questa deve essere molto sciancrata in vita e deve essere più lunga del fianco per non tagliare la figura oppure cortissima.

5- LA SCARPA GIUSTA

Pantalone palazzo, chiama tacco. Ma se madre natura ci ha dotate di gambe chilometriche possiamo permetterci anche una scarpa bassa, anche rasoterra la cosa importante è che la lunghezza del pantalone sfiori il pavimento senza pieghe.

Se preferiamo la comodità delle sneakers o delle slip on sportive dobbiamo optare per la versione alla caviglia.

abbinamento pantalone palazzo

Chiara Rovetta

Articoli correlati

Categorized: Moda donna
Tagged: ,
La Chizzo

La Chizzo

Un caban in cashmere avvolgente e un paio di jeans veloci, un filo di Chanel peonia sulle labbra e Hunter colorati ai piedi.
Sono io, Barbara: una vita a colori e un mix and match di contrasti ai quali non saprei rinunciare!
Un lavoro nel mondo frenetico del digital, fatto di strette di mano e vita mondana, e una casa immersa nella natura e nella pace da condividere con le persone che amo, la mia famiglia. Qui troverai maggiori informazioni su di me

All posts by La Chizzo