Skip to content

Decluttering efficace post vacanze: pronti a disfare la valigia?

disfare le valigieSiamo o stiamo tornando dalle vacanze e quindi: quale momento migliore per metterci alla prova per una “prova su strada” di decluttering? In che senso: facendo il decluttering dei bagagli per disfare le valigie.

E’ vero che io faccio parte del partito di quelle che proclamano il “decluttering unico” e cioè  quello fatto una volta sola e per sempre, in modo che poi rimanga da fare solo una sorta di mantenimento dell’ordine ottenuto.

Ma mi rendo conto che non sia così per tutte e che magari dobbiate ancora approcciare un ordine generale nella vostra casa, perché allora non iniziare dalla valigia? Spero non abbiate riempito la valigia alla rinfusa, ma se così fosse, forse è meglio perché la prova di decluttering funziona meglio (= più capi da prendere in considerazione)

Quindi iniziamo.

In genere l’abitudine è quella di dividere in due pile i vostri vestiti: quelli da lavare da una parte e dall’altra quelli a cui fare prendere aria prima di riporli di nuovo nell’armadio. Ma: in vacanza avete provato sicuramente che quell’abito non vi stava più bene, oppure non vi piaceva più. E allora: perché metterli via ancora nell’armadio? E’ arrivato il momento giusto per disfarsene e fare una buona pulizia!

Quindi, organizziamo i capi in varie pile:

  1. Quelli rotti: se non pensate che una brava sarta possa rimetterlo a posto, perché tenerli?
  2. Quelli ormai piccoli. Lo sapete che non sono una fan del buttare tanto per buttare e quindi, se ancora in buono stato, potreste decidere di regalarli ad una vostra amica.
  3. Quelli fuori moda. È inutile: quel copricostume vi piaceva, ma ormai quel taglio, quel fit proprio non va più e vi fa sentire fuori luogo. L’estate prossima sarà ancora peggio. Tranquille.
  4. Quelli che vi stanno male: siete ingrassate, dimagrite, avete cambiato taglia oppure avete sempre saputo che pur piacendovi quel capo non vi valorizzava. Quindi perché tenerlo nei cassetti per non metterlo mai?
  5. Quelli che non mettete da tempo. Lo avete nell’armadio ed ogni estate lo portate in vacanza, ma poi rimane nella valigia. Perché tenerlo? Torniamo al fatto che potreste regalarlo perché tanto la prossima estate non lo indosserete comunque, consolatevi.
  6. Quelli che tenete ma per un motivo particolare non avete indossato: fategli prendere aria e poi, se non appartengono ad una delle categorie precedenti, rimetteteli nell’armadio.
  7. In ultimo la pila dei vestiti da lavare. Seguendo le indicazioni di prima questa pila non dovrebbe essere fatta di tutta la valigia e quindi il tempo di lavare e stirare sarà ridotto!

Un ultima avvertenza: i vestiti dei vostri bambini. Più i bambini sono piccoli più i loro capi hanno vita breve. Mi ricordo che un anno ho portato mia figlia da mia madre per il mese di luglio. Vado a riprenderla e preparo la valigia per andare al mare con lei. Aiuto! La maggiore parte dei suoi abiti le erano piccoli, i pantaloni non entravano neanche sulla coscia. Questo complici sia i suoi ormoni che si vede avevano dato il meglio di sé, sia mia madre che l’aveva rimpinzata di cibo neanche fosse un tacchino a Natale! Che significa questo: forse che la valigia dei vostri bambini merita una attenzione particolare nella pila dei capi da considerare ormai piccoli. Un centro accoglienza della vostra città, una amica che ha partorito dopo di voi, una Onlus potrebbero essere felici di riceverli in regalo.

Daniela

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.