Skip to content

Dolce attesa: cosa mangiare in gravidanza e accortezze da seguire

Dolce attesa: cosa mangiare in gravidanza e accortezze da seguire

cosa mangiare in gravidanzaDa cinque mesi io e mia moglie Antonella siamo in dolce attesa di una bambina che nascerà ai primi di dicembre. Dopo anni di interventi di educazione alimentare con bambini, mamme, nonni e insegnanti mi trovo a vivere in prima persona la meraviglia dell’attesa e della nascita.

Antonella sta reagendo bene alle novità alimentari e fisiologiche che il suo corpo e la sua condizione di gravida le impongono: ha dovuto rinunciare ai salumi crudi e cominciare a lavare attentamente le verdure crude con il bicarbonato per evitare il rischio di toxoplasmosi; ha cominciato a fare pipi’ molto più spesso e a stancarsi molto più facilmente. Io faccio del mio meglio per starle vicino e risparmiarle fatiche ma appena mi allontano un attimo la trovo alle prese con mestieri faticosi come trasportare bacinelle piene di biancheria bagnata o passare l’aspirapolvere. Sento il suo corpo che si stanca in fretta ma il suo motorino a scoppio interno che la sprona a fare cose e’ come se avesse raddoppiato la velocita’ rispetto a prima. Un corpo piu’ grande e piu’ stancante ma uno spirito e uno slancio nell’affrontare le sfide e le fatiche della vita ancora piu’ dinamico e propositivo di prima.

In questa torrida estate la invito caldamente a mangiare spesso, a fare una bella colazione e a spezzare la fame con merende fresche ed equilibrate come lo yogurt, la frutta fresca, la frutta secca e oleosa, i grissini in modo da non arrivare a tavola troppo affamata. Quando mangia troppo a pranzo ma soprattutto a cena si appesantisce e le sale la stanchezza. La nostra ginecologa mi ha spiegato che la digestione rallenta parecchio in gravidanza proprio per assicurare il massimo dei nutrienti possibili al nascituro. La nostra sara’ una bambina e non vedo l’ora di mettere in pratica personalmente con mia figlia tutti quei consigli che da ormai dieci anni propongo alle neomamme e ai neo papa’ con una certa distanza e distacco visto che non mi sono mai trovato finora a far conoscere il mondo degli alimenti a mia figlia. Devo dire che sto cominciando sin da subito a proporre a mia moglie una dieta varia ed equilibrata in modo da far assaggiare quasi tutto anche a mia figlia…anche se attraverso l’amorevole filtro della digestione della mamma. Ieri per esempio ci ho provato aggiungendo all’insalata greca la cipolla rossa di Tropea cruda che mia moglie solitamente non ama ma che spero un domani piaccia a mia figlia.

Per fortuna dalla nascita fino al termine del sesto mese mia figlia si nutrirà quasi esclusivamente di latte materno e anche in questo caso la dieta di Antonella dovrà rispettare alcuni accorgimenti su consiglio del pediatra e altri che ancora non sappiamo ma forse scopriremo in merito ai gusti di nostra figlia: magari saranno proprio le nostre amate spaghettate ai broccoli, alle cime di rapa o al cavolfiore a rendere il latte di Antonella meno appetitoso per nostra figlia.

Io sono certo che saro’ li a prendermi cura della mamma e della figlia, non solo cucinando cose appetitose ma anche cambiando pannolini, facendola addormentare e anche solo stando vicino alle mie due donne. Non sarà un impresa facile ma il motorino a scoppio interno di Antonella con la sua doppia velocita’ mi ha aiutato a sentire che anche dentro di me c’è una grande voglia di accogliere la nuova arrivata in tutte le sue bellezze e in tutte le sue debolezze come padre ancora prima che come educatore alimentare o tecnologo. Anche io sento una nuova carica di entusiasmo e di fiducia che mi aiuta a trovare la forza per fare tutto quello che serve a mandare avanti la casa, la famiglia, il lavoro e tutto il resto … fino ad adesso sembra tutto sotto controllo …vedremo quando la pancia crescera’ a dismisura e poi, soprattutto, quando nascera’ nostra figlia.

Marco

Leggi anche gli altri papà di Chizzocute: Blog Papà Gambalunga

Articoli correlati

Categorized: Mamma & bimbi
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione