Skip to content

La donna è una Matrioska: riconoscere tutte le bambole dentro di sé

Ero piccola, non so esattamente quanti anni avessi, tra i sette e i dieci.
Andavo qualche volta con la nonna a casa della zia Egle.

Quella casa la trovavo bellissima, in effetti lo era. Un appartamento in un bel palazzo veneziano a due passi da Rialto. Mi ricordo la cucina, piccola, dove mia zia cucinava dolci per noi cugini, ricordo in particolar modo le casette di Hansel e Gretel fatte di pasta frolla e glassa colorata. Una cosa magica per noi bambini che volevamo mangiare tutti lo stesso pezzo di casetta, naturalmente, azzuffandoci per avere la meglio.

Ricordo che la casa era sempre inondata di musica. Pianoforte.
Mia cugina studiava al conservatorio e si allenava ogni giorno, per me era già bravissima. Ogni tanto entravo nella stanza del pianoforte quando lei non c’era e suonavo qualche nota strampalata, mi piaceva pigiare su quei tasti color avorio ed ebano.
Ma non c’ero portata, no. La mia strada non era la musica suonata ma ballata.
Nella stanza da letto di Bianca c’erano svariate bamboline, un sacco di spagnole vestite con quegli abiti colorati e immerlettati, nacchere da una parte e ventaglio dall’altra, sorridenti.

Poi c’era una grande matrioska.
Ne ero tanto affascinata. Immancabilmente l’aprivo e cominciavo l’opera di liberazione delle figlie, mano a mano che le liberavo le allineavo vicine alla grande, fino a che arrivavo alla piccola.
Provavo quasi gioia, quell’ultima che arrivava alla luce era come una nascita. Ma non nasceva solo lei nascevano anche le altre generazioni che la contenevano.

M’immaginavo come una grande famiglia fatta di donne, tutte contenute in una. La grande madre. Questa contadinona rubizza e felice, un po’ matrona, contenitore di vite che a loro volta custodivano vita su vita. Questo giocattolo russo è anche un enigma, una forma di comunicazione straordinaria. Qualcosa che non si svela appieno o che può avere varie sfaccettature,  specie in questo momento in cui si parla di figli e filosofia gender mi fa pensare quanto più avanti fossero i russi a cavallo tra ‘800 e ‘900, che noi nel terzo millennio inoltrato.

Leggi anche: Joy: la tenacia delle donne che non si arrendono in un film (trama)

Se penso a come siamo in tante dentro di noi, a come non è facile arrivarci dentro, tra emozioni che galleggiano, paure che hanno costruito corazze e sensazioni intrappolate nel cuore.
Ci sono davvero svariati strati prima di arrivare al centro, là dove siamo essenza e dove pochi riescono ad arrivare. E dove spesso non facciamo entrare.

Il concetto di stratificazione del sé rende la matrioska un’immagine molto frequente in psicologia.
Spesso gli psicoterapeuti ci invitano a «osservare e riconoscere tutte le bambole che ci compongono come persone, mettendole idealmente in fila davanti a noi per poi ricomporre la nostra Matrioska consapevole, integrata, rispettosa di ciò che l’ha resa quello che è».
Tra le battute della serie “Underemployed-Generazione in saldo (trasmessa da MTV nel 2013)ce n’è una che insinua qualche dubbio in proposito:«Mia figlia è una matrioska di personalità, e sono una più stronza dell’altra».
Cosa che potrei dire anch’io data l’età della mia, ma non lo dico poiché temo che lei potrebbe dire la stessa cosa di me.
In fondo siamo solo toste, donne toste. Essere un po’ stronze è solo una caratteristica salvifica.

Linda Smeraldi

Articoli correlati

Categorized: LIFESTYLE
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione