Quando si arriva ad un punto di rottura può avvenire essenzialmente in due modi: o è la decisione di un singolo, oppure entrambi sentono il modificarsi della relazione e decidono che l’unica soluzione plausibile sia quella di lasciarsi.

Personalmente lo chiamo il fenomeno del lasciarsi.

Un momento chiave in una relazione in cui si è stanchi di combattere, si è stanchi di pretendere, di chiedere, di cercare compromessi, si arriva al punto in cui si è stanchi anche di donarsi interamente e incommensurabilmente all’altro.
In una puntata dei Simpson c’è una scena in cui mostrano l’esatto momento in cui Lisa spezza il cuore a Ralph, credo sia un po’ quello che succede a tutti quando si affronta una rottura: il cuore ad un certo punto non regge più, il cuore si spezza. All’improvviso, in pochissimi secondi, non servono milioni di pensieri, milioni di angosce o giorni di attesa. Neanche ripensamenti. Arriva un attimo qualunque e il tuo cuore cessa di battere per pochi secondi, per poi riprendere il suo processo normale.

Il fenomeno del lasciarsi ha quindi tante conseguenze, comporta l’esternazione del problema e dire alla persona che hai amato profondamente per tanto tempo: “ Ieri mi si è fermato il cuore per pochi istanti, si è spezzato.” Non è mai semplice ma è l’unico modo per comprendere se anche all’altro è accaduto altrettanto.
E quando comprendi che è così, indipendentemente da ciò che sarebbe stato, ciò che avresti voluto, ciò che sarebbe accaduto se fosse andata diversamente capisci che è il momento di andare avanti.

Tanti pensieri che non fanno che tormentarti, ma il tuo cuore ormai si è spezzato, e piano piano deve alleviare le sue pene. E comincerai a fare quello che fanno tutti in questi casi, uscirai, berrai del vino, sorriderai e tornerai a ritrovare i tuoi obiettivi, quelli che appartengono solo a te.

E’ il fenomeno del lasciarsi ti dirai.

E quando penserai che non amerai mai più, che non ci sono persone altrettanto profonde e interessanti starai solo mentendo a te stesso, perché ci sono 7 miliardi di persone a questo mondo e sicuramente quella giusta per te c’è. C’è il Principe Azzurro ad attenderci pronto a donarci il Sogno, il Caffè e la Poesia, come direbbe Frida.

Ed un bel giorno mentre sarai seduta in un bar e da lontano lo vedrai sorridere capirai che ti eri preclusa quel sorriso per tanto tempo, che ciò che arriva è sempre meglio di ciò che va via e che, a volte, essere cercata e trovata è meglio che rincorrere il passato.

Flavia Todisco

(Letto 108 volte in totale, 1 oggi)