Skip to content

P come Papà. A prescindere da tutto, ti mancherà il tuo bambino

Papà“. Non lo pronuncio mai, non lo pronuncio da tempo.

Che bel suono che producono quelle labbra che baciano una parola semplice, piena, che contiene in sé l’universo.

P come Papà, P come Pazienza, P come Protezione.

P come Portalo: in braccio, quando si addormenterà in macchina; sulle spalle, quando si stancherà durante una passeggiata; sul cuore, anche quando farà qualcosa che non ti piacerà.

P come Princìpi: insegna papà, insegna al tuo bambino ad essere giusto, onesto, accogliente. Insegnagli il meglio di te. Stai crescendo l’uomo o la donna che sarà domani, ed il migliore insegnamento che puoi dargli è il tuo esempio.

P come Passioni: condividile, trasmettile, ma incoraggia anche le sue, e non intristirti se saranno completamente diverse dalle tue. Sono piccole personcine con le idee poco chiare, e il compito di noi genitori è quello di aiutarli a scoprire l’universo chiuso dentro di loro.

papà e figlio

P come Parlare: di te, di lui, di voi. Rispetta anche i suoi silenzi, ma dagli la certezza che ti troverà sempre lì, pronto ad ascoltarlo. Ad un certo punto del percorso insieme potresti trovare bloccato il canale che ti collega a lui, ma insisti a trovarne uno nuovo.

P come Paura: ce l’avrai, e ce l’avrà anche lui. Mostri e rumori inquietanti probabilmente riuscirai a ridimensionarli, ma alcune non riuscirai a scacciarle. Allora raccontagli di quando anche tu hai avuto paura, e di come poi lasciarti andare si sia rivelata la scelta giusta.

P come Presente: rallenta… Domani sarà tardi per i rimpianti, e i suoi anni scorrono in fretta. Domani ti mancherà nel lettone, ti mancherà tenerlo in braccio, ti mancherà asciugare le sue lacrime che scorrono senza vergogna, ti mancherà placare il suo dolore con un bacino, ti mancherà il tuo bambino che ti segue dappertutto e che ride delle tue facce buffe. Ma ti mancherà soprattutto ciò che non hai fatto con lui, ti mancherà il tempo che non gli hai concesso, e non ti perdonerai le volte che ti sei negato a lui dicendogli “Dopo lo facciamo”, “Dopo mi racconti” e quel dopo non è mai arrivato, non notando il suo viso deluso che si allontana sempre di più, lasciando dietro si sé distanze difficili da colmare.padri assenti

Ti mancherà di non aver insistito di più per riaprire quel canale ostruito.

Ti mancherà il tuo bambino, a prescindere da ciò che farai o non farai, ma se affondi bene i tuoi semi d’amore, domani avrai la tua bella quercia dove tornare con il tuo piccino/a diventato ormai Uomo o Donna. Grazie anche a te.

Buona festa del Papà.

Loredana Amodeo

Articoli correlati

Categorized: FAMIGLIA
Tagged: ,
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.