Skip to content

Fiabe per bambini | AlFIABEto e la lettera J: Jasmine e il Jabberwock

Questa storia dell’ AlFIABEto, dedicata in particolare ai bambini e alle bambine il cui nome inizia con la lettera J (ma anche agli altri, è ormai sottinteso!), prende spunto da Jabberwock, una parola inventata da Lewis Carrol, il celebre autore di Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie.

Jasmine e il Jabberwock

La piccola Jasmine è impaurita dalle minacce di sua sorella Katrina.

«Bambina pisciona che non sei altro!» le ha urlato contro Katrina, quando l’ha sorpresa a curiosare tra le sue cose. «Se ti azzardi a toccare ancora il mio tablet chiamo il mostro Jabberwock, che ti acchiappa e ti sgranocchia».

racconti-bambini

Per fortuna ci pensa tata Francisca a tranquillizzarla.

Tata Francisca, una bella signora cicciottella non più giovanissima, che arriva a casa due giorni a settimana,  conosce un sacco di fiabe, di canzoni e di filastrocche. Così, non appena Jasmine le parla del mostro nominato dalla sorella, tata Francisca dice:

«Il Jabberwock? Oh, ma tu non devi aver paura di lui! Sta’ a sentire me:

Il Jabberwock è un mostro bislacco,

calza le scarpe, ma solo col tacco.

Ha sempre in testa un cappello a bombetta,

non se lo scorda, nemmeno se ha fretta.

Tra scarpe e cappello indossa un tutù,

che è rosa, di tulle…è tutto un fru fru!

Indossa pure una borsa a tracolla:

gli inzuppa il tutù, non appena la scrolla.

Infatti è una borsa che è fatta di pioggia,

però a lui non importa…gli piace e la sfoggia!»

Jasmine si fa ripetere le strofe della filastrocca e ride. Un mostro che indossa il tutù come può farle paura? La incuriosisce soprattutto la borsa di pioggia… Che sia stata la borsa di pioggia del Jabberwock a bagnare il suo lettino, la notte passata?

D’un tratto in casa si sente un rumore come di un passo pesante. Jasmine sobbalza preoccupata.

«Che sia il Jabberwock che viene a sgranocchiarmi?» domanda a Francisca.

«Macché, il Jabberwock è un mostriciattolo che non si sente!» risponde la tata. «Infatti…

Il Jabberwock rumore non fa:

entra in silenzio e in silenzio sta.

A passi felpati come sopra un tappeto,

si muove per casa in modo discreto.

E poi perché mai ti dovrebbe mangiare,

lui che con te vuol soltanto giocare?

Di ogni bambino questo mostro ha rispetto,

purché nessuno gli faccia un dispetto…

Ed oltretutto è vegetariano:

bruca l’erbetta che ha sottomano!»

Ormai convinta che il Jabberwock sia un mostro di cui è impossibile avere paura, Jasmine vuol sapere a questo punto quale aspetto abbia. Perciò, coinvolta dal gioco delle rime, chiede alla tata:

«Ma sotto il tutù il mostro com’è?

Lo voglio sapere proprio da te!»

La risposta ancora una volta non si fa attendere:

«Sarà grande e grosso oppure piccino,

con tante zampe o con solo un uncino.

Sarà peloso, a squame o piumato,

col naso lungo oppure accorciato…

Com’è il Jabberwock…e  chi  lo sa,

se lui   si trasforma  come gli va?

Per questo ti dico e te lo ripeto,

magari gustandomi un sottaceto:

l’aspetto del mostro sotto il tutù

prova a pensarlo…decidilo tu!»

Rosalia Mariani

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione