Skip to content

Figli gemelli curiosità: le domande più assurde della gente

figli gemelliQuando hai dei figli gemelli capita spessissimo che la gente ti fermi per strada. Se li hai finisci con il dare un po’ per scontato la cosa, ma in verità i gemelli attirano sempre moltissima attenzione e incuriosiscono sempre tanto.

Così che ti ritrovi dalla mattina alla sera a fermarti a chiacchierare con simpatici sconosciuti e, in modo ormai del tutto automatico, a rispondere sempre alle stesse domande: “sì, sono due femmine” (nel caso di Giulia e Vittoria, per esempio, il capello corto non mi ha mai aiutata molto, così come l’amore della seconda per il colore blu), “sì, erano nella stessa sacca” (certa che il 90% delle persone non sappia che essere monozigoti comporti il fatto di avere lo stesso DNA e, quindi, per forza anche lo stesso sesso). O ancora ti domandano se le vesti uguali. E qui è complicato, perché chiaramente tra me, Giulia (Mamma Gemella, non figlia, è solo questione di omonimia) e Costanza ognuna fa un po’ di testa sua: Costanza ha un maschio e una femmina e, anche se Orlando frega di tanto in tanto i leggins a Petra con risultati divertenti, il fatto che siano sempre vestiti in modo diverso risult automatico. Giulia ha scelto di vestire Tommaso ed Edoardo in modo diverso sin da subito ed entrambi hanno il loro guardaroba personale. Quanto a Giulia e Vittoria le cose si complicano un po’, perché, per quanto io non ami i gemelli vestiti uguali e cerchi sempre di comprare per loro cose diverse o almeno di colore diverso, mia madre, fonte del 99% dei loro vestiti, si sente equa solo se compra loro cose uguali. Piano pianino inizia a capire, però! In ogni caso le mie figlie hanno un guardaroba condiviso, è il solo modo che ho per prevenire risse e litigi costanti.

Un’altra domanda che ci viene fatta spesso è: “chi è la gemella più grande?” e qui mi colgono impreparata perché ho sempre pensato che fosse una teoria un po’ campata in aria quella di “chi nasce prima”. Le mie figlie sono nate a 1 minuto di distanza (18:11 Vittoria e 18:12 Giulia) con taglio cesareo, molte settimane prima di quando sarebbero dovute nascere. Non so se valga lo stesso!

Un’altra curiosità, fissa nella top 10, è: “E di carattere sono simili?”. No, per nulla. “Sono il giorno e la notte”, ti ritrovi a rispondere ormai a tutti. “Giulia ama il rosa, mangia solo cose caloriche, il cioccolato, la pizza, le patatine fritte, è emotiva, ama le scarpe, i mini pony e tutto ciò che è lilla, rosa, rosa shocking o viola. Vittoria è salutista, preferisce il pesce, meglio se crudo, la quinoa, il farro, le verdure, meglio se amare, i lego, il blu, la guacamole, i puzzle e i video giochi”. Ma la domanda in assoluto più frequente resta: “E lei? Lei come fa? È dura?”. Oh, se lo è… non si smette mai di fare fatica. Si piange spesso, si sfiora l’esaurimento nervoso ma ci si rimette in piedi, ricordando che sia una grandissima fortuna averli con noi, nella nostra vita.

Resta che difficilmente le persone capiranno cosa voglia dire avere due bambini della stessa identica età, con le stesse identiche esigenze, che fanno le stesse identiche cose negli stessi identici istanti.

Pochi capiranno che se non si è la dea Kali, e noi certo non siamo la dea Kali, sia molto difficile fare tutto.  

Ma soprattutto tutti resteranno a bocca aperta quando racconterai loro di aver vissuto i primi mesi della loro vita segregata in casa, riuscendo ad uscire solo grazie all’aiuto del papà (fondamentale e presentissimo con i gemelli) dei nonni, dell’eventuale tata o di un’amica/o.

Esattamente come quando racconto di quando, ricevendo la spesa a casa (pur abitando di fronte ad uno dei supermercati più riforniti della città), 9 volte su 10 mettevo tra le braccia del signore che veniva a portarmela una delle due bimbe per respirare un po’.

O ancora di quando il loro papà tornò a casa (avevano circa 4 mesi) e mi chiese: “Fra, mi dici perché in camera delle bimbe c’è l’imbianchino che ne cambia una sul fasciatoio?”.Io risposi semplicemente: “è nonno, lo sa fare meglio di me!”. Questa è la verità, noi ci fidiamo ed affidiamo e ogni aiuto che arriva dal cielo è un regalo grandissimo!

Francesca

Categorized: Mamma & bimbi
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione