Skip to content

Firenze: dove mangiare una bistecca fiorentina buona ed economica?

Se vi trovate nei pressi del centro storico di Firenze, non potete non fare una capatina alla storica Trattoria “Il Gabriello.

Perché ne vale la pena? Perché dal 1858 offre prodotti genuini a km 0, e per gustare la cucina tipica Toscana, in particolare la Ribollita, la Pappa al pomodoro, la trippa alla fiorentina e soprattutto le prelibatezze della griglia, come le tagliate di manzo e la famosa ed inimitabile Bistecca alla Fiorentina. Proprio su quest’ultima vale spendere qualche parola: la bistecca infatti viene preparata secondo tradizione, alla griglia e spessa 2 centimetri, disponibile nella versione classica da oltre un kg (con il classico osso a “T” che separa il filetto dal controfiletto) oppure da un taglio più piccolino di circa mezzo kg.
bistecca fiorentina Il ristorante di recente si è rinnovato, ampliando lo spazio e la capienza con due nuove sale disposte su due livelli. I nuovi ambienti hanno uno stile molto signorile e le stanze sono avvolte da una cornice di legno che ricopre i muri laterali, con mensole che custodiscono i migliori vini del Chianti e di tutta la regione.
Buzzoole
arredo

L’ingresso principale invece, in contrasto con le nuove sale è costituito da pavimentazione in cotto dell’Impruneta, in totale armonia con il classico arredamento tradizionale toscano che avvolge il cliente in un’atmosfera familiare e rassicurante.

Altri punti forti sono i prezzi contenuti, l’accoglienza del personale e le porzioni abbondanti. La Trattoria Gabriello è uno dei pochi ristoranti del centro storico in cui potrai trovare i fiorentini a pranzo e cena.

L’Italia dell’eccellenza è questa.

Loredana Amodeo

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione