Skip to content

Giocare con i nostri figli: come e perché

Anche dopo una giornata pesante fuori casa cerchiamo di mettere da parte noi stessi per trascorrere del tempo a giocare con loro!

Ieri pomeriggio, rientrando a casa, mia figlia è corsa per le scale saltandomi letteralmente al collo abbracciandomi con tutta la forza che aveva. Sono momenti preziosi e indimenticabili che hanno bisogno di essere vissuti pienamente per non perdere qualcosa che probabilmente non tornerà. Giocare con loro è uno di questi momenti; riuscire ad entrare nella loro fantasia è uno spettacolo riservato a pochissimi e noi siamo tra questi!

Noi genitori non sappiamo valutare

Essere genitori non è come essere amici (e meno male!) e questo non ci aiuta a comprendere le loro necessità, anche ludiche. Il gap generazionale ci spinge a pensare che ci siano necessità reciproche troppo differenti e che queste ci spingano in direzioni differenti. Ma il vero problema in realtà siamo noi. Non siamo capaci di mettere da parte i nostri ideali lasciando spazio alle infinite possibilità che la loro fantasia ci mette a disposizione giocando. Ci annoiamo perché non riusciamo ad immaginare i loro spazi e a calarci nei loro “panni”. Basta poco comunque…

Ricominciare da zero

Facciamo un esperimento. Prendiamo i nostri figli e mettiamoci a loro completa disposizione. Non credo sia facilissimo perché significa abbassare la guardia, rilassarsi ed aprirsi completamente a qualcuno e a qualcosa di inaspettato. Chiediamo a loro cosa vogliano fare, a cosa vogliano giocare e magari forniamo già qualche idea. Pensiamo a cosa fanno di solito, se li abbiamo osservati, o a cosa sappiamo delle loro abitudini. Bambole, costruzioni, disegno, lettura… lasciamo che siano loro a guidarci per una volta. Se ci accorgiamo che stanno “oltrepassando il limite” sforziamoci di non essere bruschi e scontrosi. Assecondiamo i loro gesti, riscopriamo la nostra flessibilità! E poi, non dimentichiamo che giocare è utile anche per educare. In due si scambiano pareri, si intrecciano discorsi, si scoprono i propri spazi ed i propri limiti. Noi adulti sottovalutiamo l’importanza del gioco. E’ un valido aiuto a distrarsi, perché costringe a dedicare ad altro la nostra concentrazione. Giocare ci aiuta a rilassare il nostro corpo e la nostra mente, ad allentare la tensione e sicuramente ha lo stesso effetto sui nostri figli. Perché privarci di tanti benefici?

I ricordi che creiamo

Di quando ero piccolo ricordo poche cose. Non dimentico però come mi piaceva giocare con i miei genitori. Con mio padre facevamo il circo, io salivo sulle sue spalle in piedi e ricordo che riuscivo a vedere tutti i giochi che finivano sull’armadio ponte… Con mia madre costruivamo giochi di ogni genere: quando la varicella si è abbattuta su me e i miei fratelli abbiamo costruito una pista in cartone per le palline. Avevamo libri di bricolage, costruzioni, bambole mezze punk… Ci siamo divertiti con semplicità e di certo tutto questo ha aiutato a rendere fecondi la nostra fantasia ed il nostro estro! Giocare con i nostri figli lascerà un’impronta indelebile nei nostri figli! Servirà loro a ricordarsi della nostra presenza e questo darà loro sollievo.

Facciamo un gioco?

Silvano Campanale | Here you are daddy!

Articoli correlati

Categorized: Mamma & bimbi
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione