Skip to content

Giornata Internazionale del Bosco e delle Foreste: bambini all’aria aperta.

Il 21 marzo è la Giornata Internazionale del Bosco e delle Foreste e coincide con l’inizio della primavera la stagione del risveglio.

Eh già, con la primavera si ha più voglia di fare, di uscire e di stare all’aria aperta. Vivere la natura che ci circonda però è importante sempre, tutto l’anno.

Ormai sono numerosi i contributi medico scientifici che dicono ad esempio che i bambini che passano tante ore all’aperto, anche in inverno, si ammalano molto meno e anzi, rinforzano il sistema immunitario.

Ma stare a contatto con la natura non fa bene solo alla salute fisica ma anche a quella mentale e si sa che se mente e corpo sono in armonia il gioco è fatto.

I bambini si esprimono prima di tutto nel movimento e nel gioco e cosa meglio di uno spazio naturale può rappresentare lo scenario perfetto per le loro scoperte. Chi vive in campagna, in montagna o al mare avrà certamente più occasioni di vivere a contatto con la natura, ma anche chi vive in città può trovare delle buone occasioni nel giardino di casa o scuola, in qualche gita fuori porta oppure nei parchi urbani che ormai tante città hanno.

Diversi approcci pedagogici come quello montessoriano, steineriano o la pedagogia del bosco (solo per citarne alcuni) hanno in comune il pensiero che vivere a stretto contatto con la natura sia fondamentale per un bambino.

La natura è una grande aula in cui tutto, dalla terra, agli alberi, alle nuvole, al sole, alla pioggia e naturalmente tutti i suoi abitanti possono contribuire in modo prezioso allo sviluppo cognitivo ed emotivo del bambino.

Ogni stagione ha i suoi colori, odori e sensazioni e proviamo a pensare come solo osservando la natura e la sua ciclicità un bambino possa rendersi conto del tempo che passa senza nemmeno saper contare ancora i giorni di un anno sul calendario.

bambini all'aperto

Studiare un formicaio su un libro non sarà mai uguale a “perdere” tempo per seguire le formiche, osservare cosa trasportano e dove si rintanano e così per tutti gli altri animali.

E che dire degli alberi…sono una straordinaria palestra di gioco. Alzi la mano chi, soprattutto da bambino, non si è mai arrampicato su un albero o perlomeno abbia pensato di farlo. Sembra che i bambini siano attirati da tutte le cose che si possono scalare come se fosse veramente importante per loro misurarsi in questo tipo di attività. Si arrampicano sui giochi al parchetto, sullo scivolo e…sugli alberi se ne hanno a disposizione. Un bambino che si arrampica su un albero sperimenta i propri limiti, le leggi della fisica e instaura un legame di fiducia con l’albero che lo sostiene…che bel regalo per un bambino lasciargli questa libertà. Ovviamente non si sta parlando di sequoie secolari si intende.

Maria Montessori scriveva:Nel nostro tempo e nell’ambiente civile della nostra società, i bambini… vivono molto lontani dalla natura ed hanno poche occasioni di entrare in intimo contatto con essa o di averne diretta esperienza….la natura, in verità, fa paura alla maggior parte della gente. Si temono l’aria e il sole come nemici mortali. Si teme la brina notturna come un serpente nascosto tra la vegetazione. Si teme la pioggia quasi quanto l’incendio”.

In effetti noi adulti spesso possiamo fare fatica a lasciare i bambini liberi di esplorare la natura: se piove non si esce, se fa troppo freddo o troppo caldo meglio stare in casa. Di certo lo facciamo con la convinzione di proteggerli però se proviamo a pensare alla natura come una “maestra di vita” forse sarà più semplice far saltare i nostri bambini nelle pozzanghere sotto la pioggia primaverile o fare loro assaggiare la neve che cade sul loro viso.

Pensiamo anche che più i bambini conoscono e vivono la natura, più instaureranno con lei uno stretto legame indispensabile per far nascere in loro un sentimento ecologico che è davvero importante ci sia nelle nuove generazioni.

Buona primavera dunque, buona rinascita e buona vita all’aria aperta!

Le vostre Rolling Mamas green!

Categorized: Mamma & bimbi
Tagged: ,

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione