Skip to content

Gli stati su Whatsapp

Vi è mai capitato di fermarvi per un secondo e riflettere su quanto tempo passiamo davanti al nostro smartphone?

Bene, in media, ciascuno di noi trascorre 2 ore e 27 minuti al giorno a fissare lo schermo del proprio telefono e se calcoliamo che dormiamo dalle 8 alle 10 ore al giorno,  ci restano poco più di 12 ore e 33 minuti da dedicare agli altri. Il problema è che di quelle ore, in realtà, ai rapporti ne dedichiamo la metà, ad essere ottimisti, persi tra la routine giornaliera, i problemi e i pensieri, che sempre più spesso esprimiamo attraverso gli stati su Whatsapp o sugli altri social, piuttosto che liberarli attraverso le vere parole.

I social hanno tanti lati positivi ed è inutile negare loro ogni utilità per brutale ipocrisia.

Ci permettono di tenerci in contatto con chi è lontano, di ritrovare persone perse di vista da un po’, di tenerci informati su cosa accade nel mondo, quando non abbiamo tempo di leggere il giornale o guardare la tv, sono sempre più utilizzati addirittura per trovare lavoro. Solo, che da quando ci sono Whatsapp, Facebook, Instagram, Snapchat e tutti gli altri, abbiamo preso la brutta abitudine di lasciare a loro il comando delle nostre relazioni. Se è vero che “scripta manent, verba volant” e pur vero che a cancellare un messaggio su whatsapp ci si impiega un secondo ed è per questo che badiamo sempre meno al peso che le parole hanno, ma che soprattutto hanno su chi le riceve.

Quando non esistevano i telefoni per comunicare bisognava prendere in mano una penna e scrivere e, almeno a sentire i racconti di chi quei tempi li ha vissuti, spesso si stava ore davanti al foglio a cercare di esprimere al meglio ciò che si pensava o provava.

In altri casi invece, bisognava addirittura avere il coraggio di uscire di casa e cercare l’altro per strada, a lavoro o in casa propria, per parlargli di persona. Ora tutto ciò che bisogna fare è scrivere senza troppe remore ciò che si vuole dire all’altro e aspettare che le “spunte” della chat diventino blu per avere una risposta. E’ tutto molto più facile e immediato, ma anche privo di tante emozioni, quelle che si esprimono soltanto faccia a faccia, quando non ci si può nascondere dietro a un messaggio non aperto.

Sebbene con le chat, tuttavia, c’è ancora la necessità di avere la voglia e il coraggio di mandare un messaggio, che sia ad un amico, ad un parente o al proprio amato, adesso con le “stories” è venuto meno anche questo. Infatti piuttosto che scrivere, per paura di sembrare pedissequi, deboli o troppo presi, si può semplicemente pubblicare un video di pochi secondi, che scompare dopo 24h, su Whatsapp, Instagram, Facebook o Snapchat, mostrando a tutti ciò che stiamo facendo e che in realtà vorremmo dire solo a qualcuno in particolare. Poi bisogna solo controllare che l’altro l’abbia visualizzata, sperando in qualche reazione che dia un nuovo inizio alla chat.

Non fraintendiamoci, sono una amante degli stati e delle stories, ma ogni volta che riguardo quelle che pubblico o che pubblicano gli altri mi rendo conto di quanta solitudine spesso ci si celi dietro.

Perdiamo tempo a tenere il telefono in alto per riprenderci mentre ci divertiamo con i nostri amici, mentre viaggiamo o semplicemente mangiamo o lavoriamo, senza mai goderci davvero a pieno ciò che facciamo. Quello che i social ci hanno regalato è il dono dell’ubiquità, il poter essere in un luogo e nel frattempo controllarne e viverne altri lontani, ma forse ci hanno portato a rinunciare all’autenticità dei nostri sentimenti, all’istinto delle emozioni e alla razionalità.

La verità forse è che tutti, io per prima, abbiamo spesso paura di essere noi stessi e in questo senso Whatsapp e tutti gli altri ci permettono di raccontare di noi cose diverse, quelle che è difficile mostrare faccia a faccia, sono un aiuto, ma anche una trappola, dalla quale per uscire basterebbe soltanto trovare ogni tanto la forza dire ciò che pensiamo e vogliamo davvero, senza l’ansia del “visualizza, ma non risponde” oppure dell’ “ha visto la storia, ma ha non commentato”.

Claudia Di Meo

 

 

Articoli correlati

Categorized: Yourself
Tagged: ,
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione