Skip to content

I ricordi dei figli ed i nostri. “Ah, se non avessi incontrato Sandro Pertini!”

i ricordi dei figliA Nizza , nelle prime settimane di marzo, credo, circondato da metri e metri di muscoli e giacche nere, una figura minuta, tesa come una fiamma di un fiammifero, si avvicina ai miei genitori comunisti, ci sorride e mi accarezza la testa e io, con il mio buffo cappello  di lana rossa e il pon pon, vedevo per l’ennesima volta un partigiano italiano che mi rassicurava con la sua sola presenza .

Un altro incontro fu più lungo, 5 anni lontano dalla città e dal quartiere, in un bel paesone, arroccato tra i vigneti, a 15 km da casa. Le elementari. Nella pace della natura, percorrevo sentieri e mulattiere per arrivare a scuola, tra una stalla e un trattore, mi trovavo a mio agio e i vecchi che incontravo, quasi tutti direi, erano stati partigiani. Partigiani della loro terra, non comunisti o cattolici, ma difensori strenui e volenterosi del loro territorio contro l’oppressione. Pastori o falegnami, tutti avevano quel sorriso spezzato che solo una guerra ti può lasciare addosso.

La mia unica professoressa era una partigiana e tutte le mattine, anche nelle le rare supplenze, noi bambini cantavamo “bella ciao” in piedi insieme e, a volte, consapevoli del dolore che teneva viva quella comunità.

Di questo poco sanno i maschiacci e a questo punto intuite che non mi è facile accettare tante cose di questa nostra democrazia, crescere con questi e altri ricordi mi tiene all’erta su tutto quello che si deve migliorare e su quello che i miei figli devono portare dentro come ricordo.

Certo, potremmo stare sereni se nel parco un pitbull attraversa lo spazio giochi, senza museruola … ma anche se sappiamo convivere con le brutture di una metropoli, questo non vuol dire che non abbiamo il tempo o il coraggio di prendere per le orecchie il padrone e di spiegargli che non è suo il parco.

Certo, potremmo girarci dall’altra parte dell’asciugamano e goderci i bambini che giocano a spruzzarsi l’acqua, ma quei ragazzi ubriachi che spaccano bottiglie sugli scogli dove andiamo a cercare i granchi, forse posso parlarci e tra un sorriso e un per favore, manina manuzza con i maschiacci, sono un po’ meno felice di prima, ma uno sguardo leggero dei m. e tutto ritrova il giusto spazio nella mia vita.

Certo, se attraverso la strada con i maschiacci o se sono con una carrozzina ingombrante, non sono iper dinamico, ma davanti a me, nella coda di gente, non ci passi. Sono sorridente e forse anche uno strafottente o cafone, ma sono qui davanti a te con tutta la mia vita e ti ritengo pari a me, sangue blu o verde, ricco o potente, la mia famiglia non ti appartiene e neanche ci devi pensare a comandarmi o a dirmi cosa devo fare.

Certo trovo inutile la maggior parte delle prospettive create dal Mondo dell’immagine e sono sconcertato dalle domande che la gente si fa. A volte mi ritrovo circondato da giovani che hanno ingoiato un pensionato, già senicudi a vent’anni e spiegarlo ai maschiacci non mi è del tutto facile, ma la poca stima che ho per l’uomo sapiens è la stessa che perdo a tre metri dal quadro Guernica al Prado di Madrid.

Allora dentro un bel palazzo, in un museo degno di questo nome, tra le calde mura di una cascina o davanti a un bel film mi trovo facilmente a mio agio, senza essere attori o maestri, la vera maschera della società sono sicuro non cadrà mai e quindi tanto vale essere se stessi e nessuno, se non il papà, che prova e trova la strada, che si perde e si dispera, il papà che cresce e impara quanto i maschiacci a resistere, maledettamente insieme, a questo oceano di cazzate.

I ricordi che lasciamo in giro non li possiamo che interpretare come attori e non dobbiamo sentirci esclusi da quelli dei bambini, da quelli che andiamo a creare insieme a loro, l’importante credo sia essere se stessi e limpidi sia nelle domande che nelle risposte. Curiosi quanto loro e increduli, a volte sicuri sapienti, a volte ignoranti come capre, ma papà, ruolo e interpretazione reale.

Nei miei ricordi, davanti a un pericolo, come davanti a una situazione appagante, ci sono io da piccolo e in certi momenti della vita, con i maschiacci e con le stesse movenze, davanti a me, si compie il miracolo (credo per ogni essere senziente con prole sia lo stesso): ci si rivede come noi da piccoli.

Tra il ricordo e la realtà, come un tipo “ci sono già stato qui” , ma più ingombrante e dai profumi, al luogo, alla gente, alla luce mi trovo, in un secondo, oppresso o felice e vorrei che qualcosa nel mio ricordo , non accadesse, o peggio, sì. Imprecisato fino alla realizzazione, mi sembra di capire fin troppo bene dove porta quella strada o che quel negoziante tanto sorridente, in realtà, porta un’anima nera nelle sue tasche. Incomprensibile a tutti, il mondo dei nostri figli e dei loro ricordi non ci deve spaventare, perché , almeno oggi credo così, neanche loro sono ben consapevoli della realtà. Noi, al massimo, possiamo allora suggerirgli banalmente le nostre incertezze e paure o fargli coraggio con le nostre esperienze passate, ma alla fine quel bellissimo aquilone si sta lentamente allontanando da noi e tutto questo passerà, forse con grande meraviglia, ma passerà.

Essere un padre perfetto non è possibile, ma è il massimo traguardo che dobbiamo cercare di raggiungere e così di loro, un giorno, saremo fieri almeno quanto lo siamo ora di noi.

Mario

Articoli correlati

Categorized: FAMIGLIA
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione