Skip to content

Lampedusa | Il paradiso esiste e si trova in Italia

Noi italiani, si sa, siamo esterofili. Amiamo tutto ciò che proviene dall’estero e a volte ci dimentichiamo delle bellezze del nostro paese. Io ad esempio ho viaggiato in tutto il mondo alla ricerca della spiaggia perfetta e non ero mai stata alla spiaggia dei conigli di Lampedusa…poi la scorsa estate finalmente ho recuperato!

I motivi per cui vi consiglio un viaggio a Lampedusa

  • La connessione con l’isola è estremamente comoda. Si può raggiungere con un volo diretto dalle principali città e una volta atterrati si raggiunge il centro abitato in pochi minuti. La vacanza così ha subito inizio.
  • È una località che offre tante opportunità a tipologie di viaggiatori molto diversi, direi che è perfetta per le famiglie, per chi non ha budget enormi, per gli amanti della fotografia e della natura, per il turismo enogastronomico. 
  • Il mare è il grande punto di forza di Lampedusa. Alcune spiagge sono incredibili. Ve le racconteremo tutti noi che ci siamo stati ma per sapere davvero quanto sono uniche bisogna andare a fare un salto.

Periodo in cui visitare Lampedusa

Lampedusa è all’altezza dell’Africa, le temperature sono decisamente diverse dalle medie italiane, anche se le confrontiamo con la Sicilia, l’estate dura sei mesi.  Questo consente ai turisti di godersi una vacanza al caldo da maggio a ottobre. Io ci sono stata la prima settimana di agosto, quando ancora non c’era il picco del turismo e allo stesso tempo c’erano diverse attrazioni serali organizzate dal comune. 

Dove dormire  Lampedusa

Vi consiglio il B&B Venustas.  Via Delle Eolie 8 – www.venustaslampedusa.com

venustas_Lampedusa

La conduzione familare di questo delizioso Bed&Breakfast fa la differenza, a partire dalla profumatissima colazione fatta di torte portate in tavola direttamente dal forno della cucina di casa. La proprietaria è un’insegnante di Lampedusa e sua mamma Elisa la aiuta nella gestione del B&B, entrambe mi hanno coccolata come dei parenti siciliani. L’ambiente è curato nei minimi particolari, l’interior design è in stile shabby chic e il letto ha bianche lenzuola profumate di bucato. Ottimo il rapporto qualità prezzo.

Come muoversi sull’isola

Io ho usato un quad, ma il mezzo più originale e sull’isola è il mehari, perfetto per una foto ricordo, spartano ma funzionale, che però costa un po’ di più. Ci sono diverse società che noleggiato tutti i mezzi e i prezzi sono quasi identici tra i vari concorrenti. Comunque si può chiedere un preventivo a tre diverse società e provare a spuntare uno sconto. 

Vacanze a Lampedusa

Le più belle spiagge di Lampedusa 

La Spiaggia dei Conigli

E’ la baia più famosa di Lampedusa e una delle spiagge più famose nel mondo! Andateci di mattina presto e tornateci nei giorni successivi. La sabbia è bianca e finissima, l’acqua, di un’incredibile limpidezza, va dal verde chiaro a riva alle sfumature intense del blu. Di fronte si ammirano le rocce dorate che cambiano colore con il riflesso dei raggi del sole. Il fondale qui è bassissimo, e bisogna spingersi oltre 100 metri dalla riva per riuscire a nuotare e immergersi. Un vero e proprio paradiso naturale.

Cala Pulcino

E’ molto vicina all’Isola dei Conigli e per me è una spiaggia da visitare per il suo mare limpido e i fondali ricchi di flora e di fauna marina, perfetti per lo snorkeling e le immersioni. Ma per raggiungerla ci sono circa 30 minuti di camminata tipo trekking all’interno di una pineta. Quindi andateci con le scarpe da tennis e portate tanta acqua.

Cala Croce

Nella mia top 3 delle spiagge di Lampedusa, ve la consiglio per godervi una giornata rilassante, su una sdraio comoda e con tutti i servizi vicini, a partire dall’ottimo ristorante.

cala croce_Lampedusa

Cala Madonna

In questa piccola caletta stretta e lunga è posizionata la statua della Madonna. Si tratta di una delle spiagge preferite dagli amanti delle immersioni per i suoi fondali bassi ricchi e colorati. E’ possibile noleggiare sdraio e ombrelloni e c’è un piccolo bar.

La spiaggia della Guitgia

E’ la migliore spiaggia per le famiglie. Vicina al centro abitato di Lampedusa, si può raggiungere più facilmente rispetto alle altre.

Spiaggia del Mare Morto

Come si può intuire, l’acqua di questa spiaggia racchiusa tra rocce è particolarmente calma, di un verde intenso e profondo. Bisogna assolutamente tuffarsi in questo mare, per avere un’esperienza completamente diversa rispetto al fondale caraibico della spiaggia dei Conigli.

Dove mangiare a Lampedusa

Per il pranzo si può portare uno spuntino acquistabile presso un negozio di alimentari o panificio. Da provare gli arancini con pistacchio e il pane cunzato con pomodori tonno acciughe e olive. Naturalmente la frutta non dovrebbe mancare, specialmente se si sceglie andare al mare in una riserva naturale (ad esempio Cala Pulcino) in cui non ci sono ovviamente bar. Per un pranzo speciale a base di gamberoni imperiali del mediterraneo e altre meraviglie a base del pescato locale si può provare il ristorante Da Mimmo, presso la spiaggia di Cala Croce. Sulla stessa spiaggia c’è Tunez, che vi consiglio per un aperitivo (10€ per bibita e buffet no limits), con musica ad alto volume e tramonto sul mare. 

A cena si può provare la spartano Gastronomia Martorana, sulla via principale di Lampedusa, via Roma. E riservate uno spazietto del vostro stomaco per l’imperdibile gelato di Peccati di Gola, che offre sempre dei gusti originali come il fico e il finocchietto selvatico.

Souvenir da Lampedusa

Possiamo portare in città spugne naturali, conserve di pesce, borse di paglia, braccialetti con le tartarughe e orecchini a forma di carretto siciliano.

Cosa mettere in valigia

costumi da bagno 2017

Costume MARYSIA

Scopri  tutti i miei suggerimenti di cosa mettere in valigia per un viaggio destinazione Lampedusa.

Raffaella Cordua

Categorized: Viaggi
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione