Skip to content

Comfort acustico | Le regole per una casa a prova di rumore

Chi tra noi non si è mai lamentato del rumore del traffico, del vociare dei vicini, dei tacchi sul pavimento  o per le scale…?

Gli effetti negativi sul comfort acustico dell’ambiente in cui viviamo, possono essere veramente fastidiosi e diventare fonti di nervosismo e irritazione.

Molto spesso, nelle costruzioni, questo aspetto viene trascurato, ma è necessario isolare non solo termicamente, ma anche acusticamente le pareti perimetrali, le pareti confinanti con altre proprietà, i pavimenti, i soffitti e infine gli alloggiamenti degli impianti, per raggiungere un buon comfort ambientale.

In Italia l’isolamento acustico è regolato dalla Legge 447/1995 sull’inquinamento acustico e dal DPCM 5 dicembre 1997 che determina i requisiti acustici passivi degli edifici.
come ridurre rumore in casa
Le norme stabiliscono le prestazioni minime di isolamento acustico che gli edifici devono avere, a seconda della loro destinazione d’uso (scuole, ospedali, residenze, ecc) e a seconda della provenienza del rumore (dal solaio, dai muri perimetrali, dal soffitto ecc), definendo i valori minimi e massimi in Decibel (dB).

Il controllo della propagazione del rumore negli ambienti può avvenire attraverso due tipologie di materiali, a volte usati accoppiati:

  • quelli fonoisolanti, che impediscono il diffondersi del rumore all’esterno, riflettendo il suono nell’ambiente da cui proviene (utilizzati per proteggere da rumori esterni);
  • quelli fonoassorbenti, che assorbono completamente l’energia sonora e che si usano soprattutto per migliorare la qualità acustica negli interni, evitando l’eco.


L’isolamento acustico va sempre pensato in modo globale perché sia efficace: spesso non basta la singola applicazione in un punto, se le altre parti della casa sono deboli e permettono al suono di trovare un’altra via (pavimenti-soffitti-altre pareti).

In commercio, si possono trovare:

  1. Fibre minerali, come la lana di roccia e la lana di vetro (sotto forma di rotoli, materassini e pannelli fonoassorbenti) . Offrono, oltre ad un buon isolamento acustico, un ottimo isolamento termico, sono durevoli, economici, riciclabili e traspiranti.
  2. Fibre vegetali, materiali porosi e fibrosi, tra questi spiccano il sughero per le sue elevate capacità fonoassorbenti associate ad un buon isolamento termico, e le fibre di legno, realizzate attraverso l’accorpamento di fibre legnose derivanti dagli scarti della lavorazione del legno e tessuti naturali come lana, linoleum, canapa, juta e fibra di cocco. Riciclabili e biodegradabili, resistenti, traspiranti, con buone capacità di antivibrazione. I pannelli decorativi acustici in legno, sono progettati per rendere acusticamente adeguate, sale conferenze, luoghi per la musica o lo spettacolo in genere.
  3. Isolanti sintetici, materiali chimici generalmente derivanti dal processo di lavorazione del petrolio, di solito sono materiali fonoassorbenti a celle aperte. Tra questi troviamo il polistirene, il poliuretano espanso ecc. Materiali a basso costo, ma sconsigliabili se pensiamo al loro impatto ambientale.
  4. Tra i materiali fonoisolanti c’è il piombo, con cui si ottengono ottimi risultati di abbattimento sonoro e la gomma, che può essere sia naturale che sintetica, in molti casi preferita al piombo perché più lavorabile ed economica.

casa isolamento acustico

 

A seconda delle proprie specifiche esigenze, con l’aiuto di un tecnico abilitato, si possono scegliere le soluzioni più indicate:

  • controsoffitti;
  • contropareti o cappotti;
  • pavimenti galleggianti, con all’interno materiale coibente o semplicemete inserire nel pavimento un feltro adatto per il problema del calpestio;
  • feltri lamellari isolanti o materassini, giunti anti vibranti o schermi antirumore per limitare la rumorosità degli impianti.

Investire risorse e tempo, nella lotta al rumore… ci farà guadagnare negli anni serenità e confort!

Arch. Valeria Masera

Articoli correlati

Categorized: Arredamento
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione