Skip to content

L’ostetrica si racconta: a casa, insieme a te

Uno dei miei compiti da ostetrica è quello di aver cura di madre e bambino dopo il parto. Nel puerperio.

Amo questa parola. La mia professoressa all’università diceva che il puerperio è “la Cenerentola dell’Ostetricia!”… In parole povere… nessuno se lo fila sto puerperio!

Cosa succede in questo momento?
E chi viene coinvolto (e ciascuno con che intensità!) in questo grande, meraviglioso, importantissimo evento?

Una nuova creatura, piccola, indifesa e alle prime armi con la vita extra uterina, viene accolta (spesso anche un po’ in modo rumoroso e rocambolesco) nella casa in cui, giorno dopo giorno crescerà, imparerà la vita.

La mamma torna a casa.
Da mamma. E chi l’ha mai fatta la mamma prima d’ora?!
E poi ha partorito.. C’è un vissuto, una stanchezza, un’emozione, un’apprensione…

Il papà torna a casa.
Da papà. E chi l’ha mai fatto il papà prima d’ora?!
Per ora, se è andata di lusso, ha assistito al parto e montato carrozzina e seggiolino dell’auto (ogni riferimento a persone è puramente voluto!)…!
Ora viene il bello…

I nonni…
Cari, emozionati, premurosi, intimiditi, insistenti, assenti, assillanti… Ce n’è per tutti i gusti!

Ma tutti, TUTTI, hanno bisogno di essere accompagnati in questa grande avventura che comincia. Ciascuno con il suo ruolo e il suo spazio prezioso.

Quando ho iniziato a lavorare, ho subito iniziato ad andare a casa delle mamme dopo il parto. Ma all’università non ti spiegano queste cose.
Non ti spiegano come visitare e assistere a domicilio, come guardare e aver cura della famiglia.

E TU a CASA LORO hai la grandissima responsabilità della salute di tutti quanti. Madre e bambino specialmente.

La prima visita a domicilio da sola, non più affiancata dalla mia cara mentore, l’ostetrica Rosi, l’ho fatta a inizio 2009, a Sesto San Giovanni…
A piedi, con il metrò. Con la mia borsa dell’ostetrica.

Ero agitata. E ricordo che ho percorso quel grande viale alberato, dalla fermata del metrò fino a casa loro, e quelle scale fino al pianerottolo pensando e ripensando a mille cose tecniche, consigli, rimedi, prescrizioni da dettare…

Poi ho incontrato lo sguardo e il bisogno di Cristina. E il suo Benni, come lo chiamava lei. Com’era piiiiiccolo! E bellissimo.

ostetrica-a-casa

Entrando in quella casa mi si è spalancato un mondo. Un mondo nascosto, privato, ma immenso, fatto di bisogni e desideri grandi, piccoli, semplici, complicati, felici, drammatici… Nessuno parla mai di una mamma e di un papà che tornano a casa dopo questo evento pazzesco… Con il loro piccolino.

Che emozioni! Che agitazione! Che spavento…!
Tutto trema. Tutto è nuovo!
E chi li aiuta a ridare ordine alle priorità?
Chi indica loro la strada per vivere bene e serenamente questo inizio di avventura?

Nonna-nonno-zia-zio-vicinadicasa-passante-estetista-parrucchiere-lattaio-macellaio-fruttiven dola… E poi c’è iltalgiornale-iltalsitointernet-iltalprogrammainTV…

Veramente basterebbe chiamare un’ostetrica…

“Facciamo il bagnetto nella federa, così il tuo bambino rimane tranquillo e sogna di essere ancora nella tua pancia.”

“Oh! Come si rilassa! Guarda, dorme! Non strilla come quando gli facevano la doccetta in ospedale! E non è appeso come un pollo! È rilassato e contenuto!”

Faccio il bagnetto.
Controllo il moncone del cordone ombelicale. Controllo il peso.
E caccapipìcolichette.
Massaggio anticolica.

Controllo tutto il benessere neonatale. Mangia? Come mangia?

Seguo, controllo e sostengo l’allattamento.
Ritmi, suzione, poppate, mammelle, montata lattea, crescita, quantità e qualità del latte, tisane, tiralatte, sondini, biberon, massaggi ossitocici, impacchi caldi, impacchi freddi, spremitura manuale, ragadi, ingorghi, mastiti, integrazioni di latte artificiale, e chi più ne ha…

Poi c’è la mamma!
Ah già! Tutti a guardare il piccolo… E la mamma?

Controllo tutto il benessere materno.

Com’è andato il parto? Sei contenta?
Come ti senti?
Cosa hai provato?

E ora? Come stai?

I punti.
La pancia. L’utero.
Il seno. Il latte.
Il corpo e l’alimentazione.

Come lo porti il tuo bambino? La sai usare la fascia?

E come e dove dorme il tuo piccolo? L’hai preparato il lettino a nido?

Ti stai riposando? Chi ti aiuta in casa?

E tu papà, come ti senti?
Com’è andato il parto, questo incontro d’amore..? E il tuo ritorno al lavoro con le notti ballerine…?

E i nonni? Vi aiutano? Vi viziano per bene? Ecco che si spalanca un mondo.

Stupendo. È il mio.

Ostetrica Irene Mongiardino

Articoli correlati

Categorized: Mamma & bimbi
Tagged: ,
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione