Skip to content

Malanni di stagione ed allattamento

L’inverno è alle porte e come ogni anno non sappiamo se nevicherà, quando e se comparirà il freddo intenso e dove passeremo la notte di San Silvestro…

Di sicuro sappiamo che arriverà  il Natale e prima o dopo arriverà anche lei: la malefica influenza di stagione, con raffreddore e mal di gola, per i più fortunati.

Noi ogni anno scegliamo il pacchetto “premium asilo” arricchito con la migliore selezione di virus intestinali, un’esperienza che fortifica la famiglia.

Ma se la mamma che sta allattando si ammala, cosa può fare? Smettere di allattare? Non assumere alcun tipo di farmaco è votarsi al martirio? Mettersi in quarantena?

Giammai, nulla di tutto ciò. A parte la nostra ironia gli esperti attestano che non vi è alcun motivo per smettere di allattare. Peraltro sono molto rare le malattie che costituiscono una controindicazione all’allattamento e si tratta sempre di malattie molto serie.

Buon per noi l’influenza e con lei il malefico raffreddore vengono annoverare tra le malattie comuni come anche mal di gola, influenza, gastroenterite, mastite, otite e via dicendo, perciò buone notizie, è possibile continuare ad allattare senza preoccupazioni.
   
Non siete ancora convinte? Bene ve ne diciamo un pezzo in più.

I virus dell’influenza non passano nel latte, ma si trasmettono tramite le goccioline espulse da una persona infetta quando starnutisce, tossisce o parla, oppure attraverso il contatto con superfici contaminate su cui il virus può restare attivo per un certo tempo.

Quindi gli accorgimenti da adottare per evitare il contagio nei confronti dei vostri dolci pargoli potrebbero essere di tipo drastico: stare lontane dai piccoli e magari non prenderli nemmeno in braccio. Si certo, vuoi che un’influenza lasci campo libero alla sempre amata suocera? Ciò non accadrà mai. Quindi attestata l’impossibilità di interscambio con la suocera vediamo invece cosa è possibile fare.

I sintomi dell’influenza compaiono dopo qualche tempo dall’infezione, quindi è molto probabile che il vostro bimbo sia stato esposto al virus prima che voi sapeste di essere malate. La cosa migliore che potete fare per lui quando siete malate è proprio NON smettere di allattare.

Il latte materno, infatti, non può trasmettere il virus, ma è in grado di veicolare gli anticorpi specifici per quel virus, aiutando vostro figlio a non ammalarsi oppure a prenderla in forma più leggera.

Essendo, come già detto, la trasmissione del virus sostanzialmente per via aerea, quello che si può fare di pratico per cercare di evitare il contagio è: lavare spesso le mani, evitare di starnutire e tossire sul bambino e limitare i contatti molto ravvicinati tra i visi. In parole povere ve lo sbaciucchierete una volta passata l’influenza.

Un consiglio ulteriore che possiamo darvi è di mettere vostro figlio a letto con voi ed allattarlo da sdraiate. In questo modo voi potrete riposare e lui avrà tutto ciò di cui ha bisogno. In barba alla suocera interscambiabile.

Però a pensarci bene facciamo fare qualcosa anche alla suocera, riserviamole i “lavori pesanti”. Potrebbe aiutare per il cambio pannolino o per la preparazione dei vostri pasti e dopo aver sentito il vostro medico fatele fare anche un salto in farmacia.

Si perchè anche in allattamento è possibile, quando necessario e sotto prescrizione medica, assumere farmaci, la maggior parte (antibiotici compresi) sono infatti compatibili con l’allattamento.

Che dire, munitevi di fazzoletti e pazienza, una buona tisana e passerà anche questa.

In questo articolo vi raccontiamo come tirare il latte e conservarlo. Se stai allattando può esserti utile.

Rolling Mamas

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione