Skip to content

8 Metodi naturali per favorire il travaglio: come farlo iniziare?

 

È utile iniziare con una premessa: la gravidanza è fisiologica fino a 42 settimane e il travaglio inizierà solo quando il vostro bambino sarà pronto.

Solo dopo una serie di circostanze fisiche, psichiche e, se vogliamo, anche spirituali, inizierete il viaggio che vi farà diventare genitori.

Quindi la prima cosa per avviare un buon travaglio, è quella di essere predisposto mentalmente, essere riposate e non avere fretta.

Detto ciò, se la “scadenza” è passata e si è oltre termine, si può ricorrere a metodi naturali per indurre il travaglio. Vediamo nello specifico quali sono:

 

  • Sesso

Nello sperma si trovano le prostaglandine, utili ad ammorbidire ed appianare la cervice. Inoltre le contrazioni dovute all’orgasmo possono provocare un inizio di travaglio. Ovviamente ciò funziona a ridosso della data presunta del parto. Fare l’amore durante la gravidanza fisiologica, non provoca nessun pericolo, anzi, aiuta a rilassarsi.

 

  • Apermus in granuli

Si tratta di granuli omeopatici da assumere dalla 34ima settimana di gestazione. Stimola la dilatazione del collo dell’utero favorendo così il travaglio.

 

  • Tè alle foglie di lampone

Da assumere dal secondo trimestre, ha il potere di tonificare l’utero rendendo le contrazioni più efficaci.

 

  • Stimolazione dei capezzoli

 

Da fare con le mani o con l’aiuto del partner, la stimolazione dei capezzoli è un metodo efficace sia per indurre il travaglio, sia per accelerare la dilatazione se esso è già avviato.

 

  • Rilassati

Essere nervosi produce adrenalina che inibisce la produzione di ossitocina, utile ad  avviare il travaglio.

 

  • Parla con il tuo bambino

Sdraiati al buio, rilassati ed entra in contatto con il bambino. Chiedigli di scendere e incanalarsi, fagli capire che sei pronta a riceverlo.

 

  • Olio di enotera

Agisce nello stesso modo delle prostaglandine, ammorbidendo e appianando il collo dell’utero, aiutando il bambino ad incanalarsi.

 

  • Olio di ricino

Lo considero come un metodo estremo, ultima spiaggia se è già stato fissato un taglio cesareo per essere oltre termine. È un purgante molto forte che provoca spasmi allo stomaco che sembrano stimolare l’utero.

Il mio consiglio è però quello di evitare qualsiasi stimolazione se non si è oltrepassato il termine, e soprattutto di farvi seguire da un’ostetrica esperta che sappia cosa fare.

Vi lascio con le parole dell’OMS (organizzazione mondiale della sanità) che trovate nelle Raccomandazioni per la nascita del 1985

Il processo di parto non deve essere indotto per comodità: l’induzione del travaglio dovrebbe essere riservata solo in quelle situazioni dove vi sono specifiche indicazioni mediche. Nessuna regione geografica dovrebbe avere un tasso di travaglio indotto più alto del 10%”

Alla prossima, Maria Russomanno

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione