Skip to content

6 modi per riordinare la libreria in maniera efficace e divertente

Riordinare la libreria può essere un’impresa titanica, più difficile del cambio dell’armadio dopo una dieta drastica.

Davanti agli scaffali pieni e in disordine, con un po’ di polvere, libri appena letti che non hanno spazio, libri che si accumulano sul comodino, soprammobili e ninnoli che sono finiti lì in attesa di trovare una collocazione stabile, riordinare la libreria potrebbe richiedere giorni, forse settimane.

Heute werden die Regale aufgeräumt. Hoffentlich. #shelfie #bookshelf

A post shared by Corinna (@buecher_maedel) on

Io mi trovo con una libreria nuova, da riempire traslocando i libri da quella vecchia, dove si sono stratificati i miei libri, le letture di mia madre, i libri acquistati durante la mia adolescenza, alcuni libri dell’università, albi illustrati… Davanti ai candidi ripiani della nuova libreria mi chiedo quali sono i modi migliori per riordinare i libri in modo sensato.

#1 la pignoleria – Riordinare i libri in ordine alfabetico per casa editrice e, all’interno del macrogruppo casa editrice, riordinare in ordine alfabetico per autore e poi per titolo.

#2 per genere – Raggruppare i libri secondo categorie, come fanno in biblioteca: letteratura italiana, letteratura inglese, libri di viaggio, libri per bambini… se scegliete questa via, provate anche a catalogarli, potrebbe essere interessante sapere quanti libri possedete dei vari generi.

https://www.instagram.com/p/BFBJbtHHBEX/

#3 in ordine d’altezza – Scegliere un criterio estetico è un buon compromesso: il problema principale di fare ordine tra i libri è causato proprio dalle differenti altezze, anche per le pubblicazioni della stessa casa editrice. Dal più piccolo al più grande o dal più grande al più piccolo, o con un continuo saliscendi regolare…

#4 per colore – Lo ammetto, questo è il “criterio” che preferisco. L’impatto estetico è interessante: un arcobaleno di libri alle pareti. Questo sistema è perfetto per chi, come me, si ricorda il colore del dorso, l’immagine della copertina, ma spesso dimentica titoli, nomi, cognomi ed edizioni.

#5 in ordine cronologico – E qui le possibilità sono due: seguendo la data di pubblicazione, oppure la data di lettura (certe volte è difficile risalire a quando è stato letto un libro, ma ho scoperto la buona pratica di segnare a matita all’inizio del libro, il mese e l’anno di lettura. Perché mi capita di riprendere in mano certi libri e mi piace poterli collocare, più o meno con precisione, nella mia vita).

#6 per importanza – Forse è il criterio più difficile. O forse basta un attimo di riflessione: quali sono i nostri libri preferiti? Quali quelli che abbiamo faticato a leggere? Quali i più interessanti? Riordinare così i libri ci permette anche di dare uno sguardo da lontano a noi stessi.

E una volta riordinata la libreria, tutti a pubblicare un #shelfie su Instagram!

Maura Riva

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione