Skip to content

Natale economico, essenziale, sincero e generoso

Natale economicoVorrei un Natale green: essenziale, sincero e generoso.

Il calendario segna inesorabilmente l’avvicinarsi del periodo più amato e temuto dell’anno: il Natale.

A prescindere dal nostro credo religioso, questo può essere un tempo di “riflessione” sui nostri valori, su cosa e chi è veramente importante per noi, di confronto sincero con gli altri, per non cadere nel banale “buonismo natalizio”, vuoto e irritante.

Gli atteggiamenti possibili difronte al Natale, generalizzando un po’, sono tre:

  1. Frenetico: corsa agli acquisti, presenzialismo a feste, cene e aperitivi d’auguri , studio maniacale di menù, vestiti , addobbi e frivolezze varie… già dal 1° Novembre!
  2. Di negazione: rifiuto di tutto quello che si può ricollegare alla parola Natale, bollando tutte le iniziative come semplici operazioni di marketing , grondanti di banalità e ipocrisia. Gli attacchi di misantropia pura, solitamente, terminano magicamente dopo  il 6 gennaio!
  3. Accogliente: alternanza di momenti di silenzio e riflessione personale con momenti di sincera convivialità.

Ciclicamente, tutti noi adottiamo questi atteggiamenti, ma personalmente, quest’anno vorrei uscire da questi schemi. Vorrei che le parole d’ordine di questi giorni fossero: essenzialità, sincerità e generosità  (non per forza secondo quest’ordine).

Un Natale essenziale, implica la presa di coscienza di cosa per noi è  veramente necessario e delle persone fondamentali , senza le quali la nostra vita non sarebbe più la stessa.  A queste persone speciali, possiamo donare il bene più prezioso che possediamo: il nostro tempo.

Un Natale sincero, vuol dire impegnarsi a essere coerenti, limpidi, con noi stessi e con gli altri, non nascondersi dietro ad un velo di bugie, ma cercare di affrontare le nostre verità. A qualcuno, forse, potremmo regalare il nostro perdono o perdonare a noi stessi qualche errore del passato.

Un Natale generoso, per non chiuderci nel nostro mondo, ma aprirsi agli altri, condividendo ciò che abbiamo e provare ad illuminare, con un sorriso o un gesto,  gli angoli bui di solitudine intorno a noi.

Quindi, con gioia incamminiamoci verso la Magica Notte e, sotto l’albero di Natale, mettiamo  regali solidali, utili, fatti con le nostre mani, ecologici,  per evitare che questa festa diventi un evento che genera sprechi, nemici dell’ambiente.  

Guardiamo tra le tante iniziative benefiche, solidali  ed etiche presenti in rete o nelle nostre città. Doniamo un ingresso ad una mostra o a un museo,  uno spettacolo, un corso per il tempo libero, un qualcosa che faccia trascorrere in compagnia dei bei momenti. Facciamoci guidare nella scelta dal nostro cuore, il miglior personal shopper possibile!

Valeria Masera

Articoli correlati

Categorized: FAMIGLIA
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione