Skip to content

Oggetti e vestiti di neonati e bambini: cosa conservare e cosa no?

 

Ora tua figlia/o ha due anni e guardi che cosa hai negli armadi di tutte le sue cose e già ti dici: “Oh mamma mia, dove metto tutto? Se entra ancora un vestito non so più dove metterlo…” E così via.

In effetti quando tua figlia/o è nata hai ricevuto un sacco di vestiti e pagliaccetti in regalo e poi le amiche ti hanno anche passato quei completini che magari erano stati messi solo una volta. E tu man mano hai ringraziato e stipato.

Così ora straborda tutto e ti tocca correre ai ripari, ma non sai magari bene come fare. Immagina poi che ora ha solo pochi anni e i vestiti sono di taglia piccola e per di più gestisci tu lo spazio negli armadi e nei cassetti. Man mano che crescerà i vestiti diventeranno più voluminosi e quando sarà adolescente sarà lei che si occuperà di acquistare e andare a fare shopping… Dramma!

Questo per i vestiti ma poi ci sono i giochi e quando andrà a scuola ci saranno i libri e i quaderni.

Ti dici: una soluzione potrebbe essere o una casa più grande o stipare tutto in cantina. Ma sei poi così sicura che tenere tutto sia la modalità migliore?

Tua figlia cresce e con lei crescono e cambiano le esigenze. Ha quindi bisogno di nuove esperienze e nuova vita in casa anche attraverso gli oggetti e i vestiti. Considera poi che per  esperienza ti posso dire che i ragazzi non vogliono mai disfarsi di niente e se fosse per loro anche i giochi ormai rotti resterebbero nella loro cameretta, quindi tocca a te decidere cosa e come fare.

Lo so che anche per te può essere difficile pensare di liberarti dei suoi effetti che ti ricordano la sua prima infanzia o quando ha iniziato il periodo della scuola, ma per non essere sopraffatta dagli oggetti e dai vestiti ti consiglio di pensare a un buon decluttering.

Ma allora quali vestiti e quali oggetti dei nostri neonati e bambini conservare e cosa no? Ti posso dare questi suggerimenti:

  • conservare gli oggetti “primi”: il primo pagliaccetto, il primo bavaglino, il primo quaderno etc..
  • regalare i vestiti ormai piccoli ma ancora mettibili: lo hanno fatto le tue amiche perché tu no?
  • buttare i vestiti ormai rovinati o che non possono andare bene ai figli successivi
  • buttare i giochi rotti
  • dare i giochi e i libri in beneficienza: a una Onlus, a un asilo, alla parrocchia…
  • “riciclare” i giochi mettendoli via per un certo periodo e, senza comprarne di nuovi, ripresentarli dopo alcuni mesi. Lo sai vero che tanto usa sempre gli stessi giocattoli?
  • vendere giochi e vestiti in buono stato nei negozi second hand  e con i soldi guadagnati comprare qualcosa di utile per tua figlia

Ti chiedi cosa ho tenuto di mia figlia? Ecco l’elenco:

  • il primo vestito con cui è uscita dall’ospedale
  • il primo bavaglino
  • un biberon (non ho potuto allattarla…)
  • la copertina della culla
  • un quaderno di prima elementare
  • le pagelle delle elementari e delle medie
  • i libri di quando era piccola
  • i giochi in scatola di società
  • le foto (chiaramente, ma alcune molto simili fra loro le devo ancora mettere a posto)
  • alcuni disegni
  • due peluche

Come vedi non sono tanti oggetti, ma ognuno di essi ha un preciso ricordo di uno specifico momento, il resto è nel mio cuore.

Daniela Pellegrini

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione