Skip to content

Parigi, come raggiungere la città dagli aeroporti

Di buoni motivi per andare a Parigi ve ne sono sempre molti: dalla fuga per un week end romantico nella Ville Lumiere alla gita culturale per visitare i suoi magnifici musei, oppure per godere della sua frizzante scena artistica che la rende senza dubbio una delle più importanti capitali europee.

Grazie alle offerte delle compagnie aeree, raggiungere la capitale della Francia oggi può essere davvero economico a patto di prenotare il volo per Parigi con un po’ di anticipo e godere così di tariffe vantaggiose.

Ma una volta atterrati, come si arriva in centro città? Questa è la domanda che si fanno davvero in molti.

Intanto bisogna sapere che Parigi è servita da tre aeroporti (Charles de Gaulle, Orly e Beauvais- Tillé), collocati in altrettante zone periferiche, quindi per spostarsi è necessario prendere un treno, un autobus, uno shuttle oppure un taxi, a seconda del tempo che si vuole impiegare e del budget a disposizione.

Paris_infographic_v4_IT1

Grazie a un’infografica realizzata da momondo, piattaforma di ricerca voli e hotel, propongo qui di seguito una breve guida per muoversi dall’aeroporto alla città senza inconvenienti.

Chi atterra a Charles de Gaulle, l’aeroporto più grande situato a 25 kilometri nord­est di Parigi, deve sapere che i terminal sono collegati tra loro (come nel caso del 2G e 2F attraverso lo shuttle N2) o direttamente alla stazione del TGV con un breve percorso pedonale o una navetta gratuita.

L’opzione migliore per raggiungere Parigi da questo aeroporto è il treno: ci impiega 35 minuti e costa circa 10 euro. I treni della RER B partono dai terminal 1, 2 e 3 e fermano a Gare du Nord, con capolinea a Paris ­Châtelet­les­ Halles; da questa stazione passa anche la ramificata rete della metropolitana che consente di arrivare ovunque in città.

L’autobus da Charles de Gaulle impiega invece un’ora e costa poco più di 10 euro: è il Roissy Bus con direzione Opéra; in alternativa il bus numero 350 arriva sino a Gare de l’Est e il numero 19 fa tappa a Torcy – stazione della RER.

Lo shuttle è comodo da questo aeroporto, così come dagli altri due, per recarsi al parco dei divertimenti Disneyland Paris: la navetta si chiama Magical Shuttle e impiega 90 minuti, con un

costo tra i 20 e i 50 euro a seconda dell’aeroporto di partenza.

A 14 kilometri sud di Parigi è collocato l’aeroporto internazionale di Orly. Il percorso migliore in questo caso è con l’autobus: 30 minuti di transfer in direzione Denfert­Rochereau a un costo di 7,5 euro. Le alternative consigliate sono verso la stazione Massy­TGV col bus 9110, oppure Porte de Choisy con numero 183 (il viaggio dura però un’ora circa).

Il treno impiega poco più tempo (40 minuti): da Orly si arriva alla stazione Antony con lo shuttle Orlyval e quindi si prende la RER B verso Mitry­Claye da cui approfittare della coincidenza verso la Gare du Nord. Prezzo medio: 12­15 euro.

L’aeroporto di Beauvais-­Tillé è posizionato a 70 kilometri fuori dal centro cittadino ed è lo scalo di molte compagnie low­cost. Lo spostamento richiede sicuramente più tempo e il mezzo più

veloce ma meno economico è il taxi, il cui costo si aggira attorno ai 150 euro. Per chi non va troppo di fretta, a un prezzo più abbordabile (15 euro) vi è l’autobus numero 12 che in 20 minuti porta alla stazione di Beauvais e da qui, col treno TER delle ferrovie nazionali, si arriva alla Gare du Nord in poco meno di un’ora e mezza. Minor tempo (75 minuti) a un prezzo poco più alto (circa 20 euro) impiega chi si sposta solo con l’autobus verso Porte Maillot.

Sapendo come muoversi e arrivare in centro, o in una zona comoda con altri mezzi, non resta che iniziare il soggiorno parigino e goderselo in ogni istante. E come si dice in questi casi: bon voyage.

Articoli correlati

Categorized: Viaggi
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.