Skip to content

Preparazione sushi: che riso usare e come prepararlo (riso gohan ricetta)

Dirò una banalità: adoro il sushi!

Come tanti amanti di questa specialità giapponese, ho valutato la possibilità di farlo in casa diverse volte, ma più facevo ricerche sul procedimento e più mi convinceva che era troppo complicato: tra la preparazione del riso e la difficoltà a reperire pesce freschissimo abbattuto mi passava la voglia…

Poi un’amica mi ha convinta: ho ripreso le ricerche e nel giro di qualche giorno ho finalmente realizzato il mio primo sushi. Non vi dirò che è semplicissimo o veloce, ma con la giusta preparazione e un po’ di organizzazione si può fare  con successo un ottimo sushi casalingo.

In un grande supermercato ben fornito ho acquistato la tovaglietta di bamboo per arrotolare i maki e le alghe Nori, che, insieme ad un coltello molto affilato, sono fondamentali ed insostituibili per fare un buon sushi.

L’altro ingrediente fondamentale sarebbe il pesce crudo: salmone, tonno e pesce spada crudi devono essere freschissimi e abbattuti. Alcune pescherie (che siano di fiducia!) forniscono il pesce abbattuto, ma conviene informarsi, ordinarlo per tempo e comunicare loro l’intenzione di consumare questi prodotti crudi. Io mi sono organizzata con pesce affumicato, gamberetti bolliti e uova di lompo ottenendo ottimi risultati ed evitando qualunque rischio di intossicazione. Se invece possedete un abbattitore di temperatura domestico, come quello di cui abbiamo parlato in questo articolo, il problema non si pone e potrete abbattere il pesce e tanti altri piatti  con facilità tutte le volte che vorrete.

sushi tipi

Preparazione del sushi

La preparazione si divide in 2 fasi: la cottura del riso, che può essere fatta con diverse ore di anticipo, e la realizzazione dei vari pezzi, da fare prima di servire (calcolate almeno un’ora di tempo per questa seconda fase).

Cottura del riso: se non trovate il riso specifico per sushi , vanno benissimo il riso ribe o il riso Roma.

Ingredienti

  • 500 g di riso
  • 120 g di aceto di riso o di mele
  • 40 g di zucchero
  • 5 g di sale

Passaggi per la preparazione del riso per sushi

  1. Ho lavato il riso immergendolo in acqua e scolandolo diverse volte fino ad ottenere l’acqua limpida (circa 10 lavaggi)
  2. L’ho immerso un’ultima volta in acqua e l’ho lasciato riposare così per 15 minuti.
  3. L’ho scolato e l’ho lasciato riposare altri 15 minuti.
  4. Ho messo il riso il una pentola e ho aggiunto 600 ml di acqua.
  5. Ho coperto la pentola col coperchio: da questo momento non va mai alzato fino a termine della cottura.
  6. Ho portato a bollore a fuoco medio (senza mai togliere il coperchio).
  7. Ho lasciato bollire 5 minuti a fuoco medio.
  8. Ho abbassato la fiamma e ho fatto cuocere altri 8 minuti a fuoco basso.
  9. Ho spento il fuoco e, sempre lasciando il coperchio, ho lasciato riposare 10 minuti.
  10. Ho preparato il condimento scaldando leggermente l’aceto e sciogliendovi lo zucchero e il sale.

Ora si può finalmente togliere il coperchio: ho posto il riso su un vassoio (usate pure un contenitore largo, ma non di metallo) e, con l’aiuto di una paletta, ho condito con l’aceto aromatizzato mescolando con delicatezza.

Con l’aiuto di un ventaglio ho sventolano il riso mischiando delicatamente fino a raffreddarlo completamente: questo passaggio è fondamentale perché il riso deve raffreddare velocemente.

Ho coperto il riso con un canovaccio bagnato e strizzato: il riso può stare così anche per una giornata, ma fuori dal frigorifero.

Col riso così preparato ho realizzato 80 pezzi di vari formati di sushi (18 nigiri, 27 hosomaki, 13 futomaki, 16 uramaki, 6 gunkan sishi) sufficienti per 3-4 persone.

Appuntamento a fine settimana per scoprire come realizzare i vari tipi di sushi!

Federica Bianchi

 

Articoli correlati

Categorized: Ricette
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.