Skip to content

Prodromi di travaglio: significato e differenze con le vere contrazioni

Prodromi da travaglio: scopriamo di cosa si tratta e come riconoscerli da alcuni sintomi che spesso si sottovalutano.

La parola PRODROMI è già difficile da pronunciare, di certo, si sa, ha a che fare con il travaglio.

Quel giorno, mentre iniziavano i miei primi dolori che ero certa fossero le famose contrazioni, chiesi all’ostetrica con aria sognante: “Ma quindi tra un po’ dovrò iniziare a spingere?” Lei mi guardò con una faccia stronza e mi rispose “Signora, questi sono solo i prodromi!“, ed io “I proproche?“, “I PROPROMI… sì, ha fatto sbagliare anche me! I prodromi, ovvero quelle prime LEGGERE contrazioni che preparano il suo corpo al travaglio vero e proprio“. Mi sono sentita un’ebete. Ostetrica 1- donna incinta 0.

Se anche tu hai googlato “Prodromi di travaglio significato” è perché probabilmente qualche medico ti ha liquidata con la stessa frase e ti ha rimandata a casa. E tu che credevi che fosse finalmente giunto il momento!

Non si può sapere quanto durano i prodromi: se sei fortunata nel giro di poche ore inizieranno le contrazioni vere, e probabilmente perderai il tappo mucoso. Se non sei fortunata, e se non lo è nemmeno tuo marito che farà la spola casa-pronto soccorso, con te che gli hai detto chissà quante volte “Amore, ci siamo!“, allora potresti dover attendere un po’. Ma quando andare in ospedale, allora? Qual è la differenza tra prodromi e contrazioni vere? Ti dico solo che… lo scopriremo solo vivendo, nanana.

Chi non si è mai sentita dire la frase presagio “Quando partono le contrazioni vere lo capisci da sola!“? Beh, ragazze mie… è vero. Però finché non le avrai sentite non te ne renderai conto, lo so. Quindi ti do un consiglio, per il bene tuo e per il bene di quel povero padre che ormai la valigia la lascia dentro al portabagagli in macchina, come un super eroe sempre pronto a partire all’attacco: vai in ospedale solo quando quei dolori che senti, che poi scoprirai essere contrazioni, si faranno regolari, e cioè a distanza di 5 minuti l’uno dall’altro. E per fare bella figura, e per vendicare un po’ anche me, dì all’ostetrica”Cara mia, mi sa che questi non sono prodromi!

Ah, se non hai ancora preparato la valigia per l’ospedale leggi qui: BORSA PARTO OSPEDALE: COSA METTERE DENTRO LA VALIGIA

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.