Skip to content

Propositi per il nuovo anno

Quando inizia un nuovo anno, è consuetudine fare una lista di buoni propositi: dieta, palestra, obiettivi ecc.

Ma spesso poi, a fine anno, si fanno i conti con risultati non raggiunti e bilanci deludenti. Com’è opportuno comportarsi in questo senso?

Per ottenere risultati efficaci, il bon ton consiglia di non seguire una dieta ferrea, ma di portare avanti un’alimentazione corretta e bilanciata, che darà sicuramente risultati soddisfacenti nel medio-lungo periodo. E poi? No a sessioni di ore in palestre, ma si consiglia movimento quotidiano, come una passeggiata di trenta minuti.

fitwalking_freddy

E per questi ultimi giorni di festa, come comportarsi a tavola con amici e parenti, per Epifania e cene di commiato?

Mai dire “buon appetito”, meglio concedersi un brindisi, ma non con un “cin cin”; auspicabile un augurio o pensiero originale oppure un aforisma celebre. No allo smartphone sul tavolo, no a messaggi e chat durante il banchetto, meglio se togliete la suoneria, a meno che non aspettate telefonate di vitale importanza.

Attenzione agli argomenti che toccate a tavola: il galateo dice no a politica, lavoro e denaro. Valutate con attenzione dove sedervi, il bon ton assegna questo “ingrato” compito alla padrona di casa.

Non iniziate a mangiare prima dell’arrivo a tavola di tutti i piatti degli ospiti e fate attenzione all’uso delle posate: è più facile di quanto sembri, andate per ordine. E se gli ospiti hanno portato dei vini o altri generi alimentari, ricordate di aprire e mettere in tavola.

tavola-natale

Le buone maniere non sono mai superflue e per iniziare al meglio questo 2017 portiamo avanti un proposito: bon ton e rispetto nella vita quotidiana verso il prossimo, con piccoli gesti e a piccoli passi, magari iniziando dal saluto a chi incontriamo in ambienti familiari (scuola dei figli, condominio, palestra, posto di lavoro ecc.). E non neghiamo il sorriso a nessuno.

Benvenuto 2017, bye bye 2016.

Marianna Silvone

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.