Skip to content

Psicologia: differenze tra uomini e donne – Conoscersi per capirsi

È stato scritto moltissimo sulle differenze tra uomini e donne, eppure il pregiudizio è duro a morire e si sente ancora spesso ripetere che gli uomini sono tutti uguali o che le donne sono volubili, e molte altre banalità del genere.

Credo che valga la pena di ripetere, per chi non lo sapesse, che uomini e donne hanno un cervello strutturato in modo diverso, ed a questo si devono le loro specificità. Capisco come sia facile scivolare nella battuta, ma i rapporti uomo-donna sembrano essere sempre più complessi, e capirne di più ci può aiutare ad andare d’accordo.

Innanzi tutto dobbiamo chiarire, una volta per tutte, che il cervello umano ha due priorità assolute (ciò vuol dire che funziona SEMPRE per garantire queste due funzioni):

  • mantenere in vita l’organismo che presiede
  • mantenere in vita la specie a cui appartiene

Che, tradotto in parole povere, vuole dire: CIBO e SESSO. E questo vale sia per le donne che per gli uomini. Dalla natura impariamo che ai maschi è stata data la capacità di fecondare più donne possibile (con i loro miliardi di spermatozoi, come potrebbe essere diversamente?) ed, alle femmine, l’abilità di scegliersi un compagno in grado di garantire sicurezza per sé e per la prole e che, se non fosse in grado di farlo, potrebbe venire sostituito da uno più forte e sicuro. Quindi l’istinto a tutelare la sopravvivenza della specie vale per entrambi. Non crediate di essere evoluti perché vi occupate di filosofia o scienza, perché inconsciamente la vostra vita si muove sempre obbedendo a questi due imperativi: cibo e sesso! Chi si occupa di pubblicità lo sa bene, infatti associa ogni prodotto a qualcosa che li riguarda.

Durante la gestazione “a partire dall’ottava settimana un massiccio afflusso di testosterone trasformerà questo cervello neutro in maschile, sopprimendo alcune cellule dei centri della comunicazione, e facendo crescere un maggior numero di cellule nei centri del sesso e dell’aggressività; se, invece, l’ondata di testosterone non dovesse verificarsi, il cervello continuerà a crescere indisturbato secondo una struttura femminile. Le cellule cerebrali del feto femminile produrrebbero allora più connessioni nei centri della comunicazione e nelle zone che elaborano le emozioni… (1)

Le differenze scientificamente provate riguardano soprattutto il fatto che, anche avendo un quoziente intellettivo uguale, un uomo ha sei volte e mezzo la materia grigia della donna, mentre la donna ha dieci volte la materia bianca dell’uomo. Quest’ultima ha il compito di mettere in relazione tra loro le aree cerebrali.

Come si traduce, nella pratica, questa differenza di genere tra uomini e donne?

L’uomo ha una maggiore tendenza ad utilizzare l’emisfero sinistro, quindi prenderà decisioni in modo lineare, logico, razionale, mentre la donna utilizza maggiormente l’emisfero destro, che è in grado di elaborare in modo parallelo più possibilità di interpretare la realtà, grazie alla maggiore capacità di relazione delle aree del cervello.

Ecco spiegato il motivo per cui gli uomini riescono a fare bene poche cose per volta, e sembrano non ascoltare quando una donna gli parla di altri argomenti, mentre le donne svolgono più cose contemporaneamente. Le continue variazioni ormonali femminili e l’utilizzo maggiore della zona limbica, in cui hanno sede le emozioni, rendono il cervello femminile più flessibile e meno rigido, più legato all’intuito che alla razionalità.

Da queste differenti strutture cerebrali nascono i continui malintesi e le incomprensioni nella coppia; da qui un linguaggio ed un modo di vedere la realtà e di reagire ad essa differente, da qui la diversità di bisogni che uomini e donne hanno.

E’ importante avere chiaro che il modo di comportarsi del partner non è dovuto alla sua volontà di ferirci o di non ascoltare i nostri suggerimenti, ed una maggiore conoscenza del modo in cui ognuno vede ed interpreta la realtà ci può essere di grande aiuto per mantenere saldo un legame a cui teniamo particolarmente.

Nel riconoscere ed apprezzare le differenze sta la possibilità di far durare a lungo l’amore tra un uomo ed una donna! Nella prossima puntata vedremo come tutto questo si traduce nei fatti, ed in che modo possiamo comprenderci meglio.

Valeria Pisano

  1. L. Brizendine, “Il cervello delle donne”, ed. Rizzoli

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione