La noia non è solo un diritto ma un vero e proprio bisogno. Perché soprattutto da piccoli, quando le giornate sono organizzate minuto per minuto, la noia diventa fondamentale generatore di fantasia. D’inverno come d’estate. E allora, evviva la noia! Che può essere gioia quando si trasforma in buonissimi quadrotti cacao e ricotta con albicocche.

Io sono stata una bambina figlia unica (lo sono ancora, ma non più bambina…). Da piccola non mi è mai piaciuto essere figlia unica (in verità neanche tanto oggi), quello che mi mancava sempre era qualcuno con cui giocare.

Essere piccole e figlie uniche negli anni ’70/’80 voleva dire ingegnare la fantasia. Non c’era internet e con lui gli smartphone, i tablet, i computer. Al massimo potevi avere un Commodore 64. C’era la tv e infatti la mia generazione ne ha vista tanta. Ma se ti impedivano di guardare la tv, le tue amiche avevano altro da fare e a te non andava di leggere il Corriere dei piccoli, Topolino o nel mio caso anche Il giornale di Barbie, per passare il tempo non ti restava che la NOIA!

La noia per dormire, la noia per guardare il soffitto, la noia per passare dalla sedia al divano. Tanta diventava la noia che poi qualcosa da fare te la inventavi di sicuro.

La noia sviluppa la fantasia e la creatività.

La noia nei bambini di oggi è un po’ un’utopia. Ai bambini di oggi è vietato annoiarsi.

Perché la noia non è ammessa. La noia fa paura.

Ma a chi poi? Ai bambini o agli adulti?

Quando mi annoio io di solito ne esce fuori una ricetta. Più o meno buona, più o meno azzeccata, ma esce. E così la noia può diventare pura gioia sotto forma di quadrotti cacao e ricotta con albicocche.

Condivido con voi la mia gioia: in una ciotola lavorate 3 uova con 150gr. di zucchero di canna. Ottenuto un composto schiumoso, aggiungete 250gr. di ricotta e amalgamate bene, versate poi 80ml. di olio di semi, 40ml. di latte tiepido e 150gr. di farina setacciata con 25gr. di cacao amaro e 8gr. di lievito vanigliato per dolci. Amalgamate bene e versate l’impasto in una teglia quadrata 30×30. Disponete sopra le albicocche ben lavate e tagliate a metà (fuori stagione vanno benissimo anche quelle sciroppate). Cuocete in forno caldo a 180° per 30 minuti circa (fate sempre la prova stecchino asciutto!).

Torta al caco e albicocche con ricotta nell'impasto

Lasciate raffreddare e poi tagliate in tanti quadrati, ognuno con la sua albicocca al centro, così da ottenere i quadrotti cacao e ricotta con albicocche e poi accompagnateli con una palla di gelato alla crema.

Quadrotti al cacao e albicocche con ricotta nell'impasto accompagnati da gelato alla crema

Che gioia, la noia!

Alessandra Bruni

(Letto 115 volte in totale, 1 oggi)