Skip to content

r-Estate con papà!

Cara mamma, quest’estate concediti una pausa e lascia che i tuoi figli si divertano con papà!

Essere genitori richiede tanta energia, specialmente con i bambini più piccoli, e pensare di lasciare tutto in mano a “lui” forse mette buona parte delle madri un po’ in ansia! Noi non saremo dei supereroi, ma non ci va poi così male: è che a volte ci stanchiamo in fretta e tendiamo a “distrarci” facilmente tralasciando qualche piccolo dettaglio… L’estate però è speciale e se magari ci associamo a qualche altro papà riusciamo a trovare la combinazione perfetta per concedere alla mamma un sacrosanto relax. Bisogna trovare la “quadra”, poi il resto viene da sé.

Prefiggersi degli obiettivi ed organizzare

Per riuscire a trascorrere del tempo di qualità con i nostri figli è meglio pensare prima a dove, cosa, come, quando e perché. Vogliamo portare i nostri ragazzi fuori per una giornata? Nessun problema, ma la meta è meglio sceglierla prima. I tempi morti sono deleteri, stufano tutti e fanno sì che la cosa prenda una piega negativa. Il posto deve essere giusto per la loro età e, se riusciremo a trovarlo, ci saremo risparmiati tanta fatica per correre loro dietro preoccupandoci inutilmente. Cosa portarsi? Soldi, acqua e un cambio, per tutti: i soldi non faranno la felicità, ma gli “extra” nessuno ce li regala, l’acqua in estate non è mai abbastanza e il cambio per tutti serve sia per un eventuale tuffo in acqua che per un bagno di sudore… Ricordiamoci che potremmo essere da soli e gestire bambini piccoli può risultare difficoltoso, perciò non forziamo la mano pensando di essere imbattibili, se due genitori si stancano a badare un bambino figuriamoci uno da solo.

Pensare positivo, sempre!

Non siamo imbattibili, già detto, ma possiamo fare uno sforzo in più rispetto al solito. Puntiamo in alto e se succede qualcosa cerchiamo di essere propositivi senza abbatterci, magari pensando a “cosa farebbe la mamma“, ma senza dirglielo ovviamente… Non convinciamoci che la nostra idea di “giornata con papà” sia la stessa di quella dei nostri figli: ovviamente abbiamo priorità differenti, ma dobbiamo cercare di farle viaggiare su binari paralleli nella direzione giusta. Qui pro quo: un po’ a loro, un po’ a noi scambiandoci la possibilità di fare esperienze nuove. Magari mettiamo da parte per un giorno le nostre regole e lasciamo che loro ci ricordino cosa vuol dire essere “giovani”!

Comunque ammettiamolo, forse la maggior parte delle volte sono proprio le nostre amate che non ci lasciano soli (…); è che il papà solitario spacca e attira gli sguardi… si fideranno a lasciar da soli TUTTO IL GIORNO cotanta bontà d’animo? Siamo roba pregiata..

Silvano Campanale | Here you are daddy!

 

Articoli correlati

Categorized: FAMIGLIA
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione