Skip to content

ADIOS PANNOLINO! Memorie di un papà ad assorbimento ZERO

Non ci sono regole per uno spannolinamento di successo, ma tanta sensibilità ed attenzione da parte di genitori.

L’importante è non farli bere prima di addormentarsi, altrimenti sarà meglio aver pronto ben più di un ricambio per il lettino!

Principalmente gli scogli della prima infanzia sono lo svezzamento e il cosiddetto “spannolinamento” ossia quel prodigio per il quale un bimbetto impara a gestire quella spinta impetuosa che forse un ippopotamo o forse il re di Francia o un gran bastimento che dall’argine si stacca…

Alla fine è una liberazione per tutti e con la caduta dell’ultimo bastione conquistiamo tutti qualcosa in più, che siano i soldi dei pannolini o la sensazione che “evvai! Prossimo passo la patente…”. Certo non è una cosa a cui si arrivi con tanta serenità, ma bisogna lavorarsela bene, sudarsela e guadagnarsela quella libertà tanto agognata, passando attraverso i rovi del vasino, della paura di quel grande buco bianco, dei libri di psicologia infantile, della libreria per bambini che OMG! nemmeno Wikipedia sa affrontare così delicatamente un argomento così di m…. sorry!

Tutto inizia più o meno quando i genitori iniziano a vedere gli altri bimbi che alzano le chiappette ed in totale autonomia si lanciano verso il WC gridando tutta la loro gioia della liberazione manco avessero conosciuto la galera, o sentendo la classica Miss Simpatia che entra nell’aula sventolando ai quattro venti che ormai la principessa s’è fatta grande e oltre a esser stata assunta a soli tre anni alla NASA per i suoi meriti scolastici ha anche imparato (ovviamente senza alcuna difficoltà) l’autonomia della toilette.

Siamo troppo competitivi. E non lo riusciamo nemmeno tanto a nascondere in certi casi. Ci ricordiamo di avere un fegato perché ci inizia a rodere violentemente!

Di regole comunque non ne esistono. Imparare quella benedetta cosa chiamata controllo degli sfinteri (altro che cacofonico…) è pura fisiologia: i tempi? Non li decidiamo noi e accelerarli può essere solo catastrofico e deleterio. Quando i nostri pupetti hanno imparato a camminare, l’hanno fatto senza che noi ce ne rendessimo assolutamente conto, senza che noi li piantassimo costantemente in piedi come cactus americani, ma con una totale nonchalance che li accompagnerà anche sulla tavoletta.

E quindi siamo inutili? Assolutamente! Noi siamo fondamentali perché siamo i loro genitori, quelli che li capiscono più di chiunque altro.

come-togliere-pannolino

Volete un consiglio? ‘mo ve ne sparo uno: l’albicocca rappresenta la serenità e la tranquillità e per affrontare al meglio lo spannolinamento provate ad utilizzare il metodo APRICOT: aperti, pronti, ricettivi, interessati, coccolosi, obiettivi e tattici.

Non dimenticate di mantenere la calma e la serenità e dimostratevi pronti ad assecondare la fisiologia dei vostri figli, sfruttate i tempi migliori (l’estate ad esempio, magari proprio alla fine del nido) pianificando bene la gestione dei tempi e dei luoghi sapendo che quando inizierete a togliere il pannolino sarà per sempre (almeno per altri 90 anni) e che non si tornerà indietro!

Cercate di fornire ai bambini degli spunti, cercando di capire se possano essere pronti per abbandonare il pannolino psicologicamente e fisicamente recependo le loro reazioni come spunti e non come disattese.

Vogliate loro sempre bene, nonostante gli errori e le chiazze di pipì sul tappeto: per loro è un momento importante tanto quanto lo è per noi perciò non stiamo tanto a corrucciarci e rimbocchiamoci le maniche, tanto siamo i loro genitori ed è il nostro compito!

Tanto con tutte le soddisfazioni che ci regalano siamo più che ripagati, forse anche in debito.

Silvano

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.