Skip to content

Il Wedding Planner: cosa fa esattamente e cosa no? Intervista

Wedding plannerChi è esattamente il Wedding planner e cosa può offrirmi? Questa è la domanda che tutti si pongono.

Il giorno tanto atteso, il giorno delle vostre nozze, richiede sicuramente una grande e attenta organizzazione e sempre di più si ricorre all’aiuto di esperti del settore pronti a dedicare il loro tempo, le loro capacità, per organizzare il vostro giorno più bello. Questo è, sostanzialmente, un wedding planner.

Affidarsi ad un Wedding Planner, vuol dire affidare ad un esperto tutti i vostri sogni che riguardano il giorno del matrimonio. Vuol dire affidare l’organizzazione del vostro giorno ad uno staff che curerà i dettagli nei minimi particolari esattamente come fareste voi. Con l’aiuto di un wedding planner sicuramente vi libererete degli aspetti negativi dei preparativi: stress, confusione, mancanza di idee.  E, inoltre, avreste a disposizione una persona disposta ad ascoltare tutti i vostri dubbi e desideri, una persona che troverà sicuramente la giusta soluzione.

Nonostante sia in crescita il numero di coppie che decide di affidarsi ad un Wedding planner, molte ancora si chiedono perché non ci si possa occupare delle proprie nozze da soli, come si è sempre fatto.

Sono stata una di voi anch’io!

Non riuscivo a capire perché dover affidare a qualcun altro le sorti del giorno delle nozze.

In realtà spesso non ci si rende conto, non si ha idea, di quanto possa essere stressante e difficoltoso organizzare un matrimonio da soli. Durante i preparativi le idee impazzano e spesso non tutte sono fattibili o possono essere amalgamate tra di loro. Un wedding planner saprà consigliarvi al meglio, e vi toglierà dall’impiccio di fare mille ricerche per scegliere i fornitori migliori. Sarà lui a farlo per voi e a proporvi soltanto ciò che fa al caso vostro.

A questo punto sorge la domanda successiva:

Ma non costa troppo l’aiuto di un esperto?

In realtà ricorrere all’aiuto di un wedding planner non è molto più dispendioso dell’organizzazione casalinga anzi, delle volte, quando non si sa bene cosa fare, si finisce con spendere molto di più organizzando personalmente il matrimonio.

I pacchetti offerti dai wedding planner sono molteplici, ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche. Trovare un wedding planner che sappia organizzarvi un matrimonio davvero da favola mantenendo fede al vostro budget è facile. Molto più di quanto crediate.

Non avete mai parlato con un wedding planner?

Proprio per questo ho intervistato, per voi, Valentina Caddeo una bravissima Wedding planner. Molti sposi si affidano alla sua agenzia Wedding House proprio perché lei ama il matrimonio in sé. Segue le sue coppie di sposi e l’organizzazione dei loro matrimoni come se ogni volta si trattasse del suo.

Le ho rivolto alcune domande che ho pensato fossero quelle che tutti voi spesso vi ponete:

 

D: Prima di tutto, grazie per avermi concesso il tuo tempo per questa intervista. La prima domanda che mi ronza in testa è sicuramente questa: come è maturata l’idea di diventare una wedding planner? Da quanto tempo ti occupi di realizzare i sogni degli sposi e cosa facevi prima di buttarti in questo mondo?

R: Ero militare, quando mi è scaduto il contratto ho conosciuto Gian Franco e abbiamo deciso di sposarci, e cosi mi sono buttata nei preparativi. Ho cominciato ad amare l’aria che si respira ai matrimoni proprio quando ho organizzato il mio. Ero stanca e stressata, mi sono pentita di non aver chiesto aiuto ad un professionista, quindi dopo essere tornata dal viaggio di nozze, mi sono informata, ho iniziato a studiare e ho aperto la mia prima agenzia.  Da quel giorno sono passati 5 bellissimi anni

D: Il rapporto con i fornitori, come ti trovi con loro? Io da semplice sposa ricordo che non è stato facile “gestirli” tutti, soprattutto riuscire a fare in modo che fossero tutti disponibili nello stesso periodo. Tu come hai scelto quelli di fiducia? Li proponi tu agli sposi o ti è capitato di avere a che fare con fornitori scelti dagli sposi personalmente?

R: Il primo anno è stato “l’anno della prova”. Le prime persone con cui avevo parlato fanno parte ancora della mia rosa di collaboratori. Poi c’è una persona con cui mi confronto di più, diciamo la collaboratrice che più mi completa. Ho due location di punta molto belle che piacciono agli sposi con cui lavoro da un po’.  Due fioriste che secondo me sono le migliori in provincia. Prima di chiedere ad un collaboratore di far parte del mio team, l’ho studiato da lontano e in silenzio. Le persone che lavorano con me adesso sono quelle di cui mi fido di più, mi hanno visto crescere insieme al mio amore per i matrimoni, perché oltre ad essere un lavoro è la mia più grande passione. Agli sposi propongo la mia squadra, ma mi è capitato di conoscere professionisti del settore con cui poi ho creato dei legami lavorativi.

D: Dicono che al sud e nelle isole ci siano più matrimoni. Tu di quanti matrimoni ti occupi in un mese? Qual è il giusto numero di impegni da prendere per poter dedicare il giusto tempo alle coppie?

R: I primi due anni facevo anche 4 matrimoni in un fine settimana, pranzo cena, cena pranzo, per fare esperienza, per farmi conoscere. Una volta che mi sono fatta conoscere ho deciso che avrei fatto uno, massimo due, matrimoni a settimana o se so in anticipo che un matrimonio sarà molto impegnativo rimango con un matrimonio in un fine settimana, mi piace dedicarmi completamente ai miei progetti e alle mie coppie e, da quando adotto  questa filosofia, riesco a conciliare meglio i miei impegni.

D: Che tipo di wedding planner sei?

R: Sono una wedding planner amica. Quella che manda gli auguri a Natale, quella che si commuove quando le sue coppie pronunciano il si, quella che poi organizza il battesimo dei loro bambini, quella che il giorno prima del matrimonio non dorme come se il matrimonio fosse il suo.

D: Lavori da sola o in un team?

R: Non posso dire di lavorare da sola, se un matrimonio riesce a 360 gradi è perché dietro ho delle persone che sanno fare il loro lavoro, e lo sanno fare veramente bene.

D: Cosa offri ai tuoi sposi? Indicativamente quanto può costare il tuo servizio?

R: Abbraccio il matrimonio a tutto tondo, cerco sempre di rispettare il budget degli sposi e aiutarli a scegliere i dettagli più importanti. Un organizzazione può costare dai 500 euro in su.

D: Ti è capitato di rifiutare l’organizzazione di un matrimonio? Perché?

R: Si, se sono impegnata propongo sempre qualche collega, ma una volta ho rifiutato un matrimonio per il comportamento molto scorretto dello sposo, mi è dispiaciuto tanto perché io do sempre tutta me stessa, e non amo le prese in giro da parte di nessuno.

D: Cosa consigli agli sposi che sono indecisi se scegliere o meno l’aiuto di wedding planner?

R: un wedding planner grazie alle sue collaborazioni può aiutarvi a risparmiare tempo e qualche soldino, e soprattutto arriverete al matrimonio senza stress!!!

D: Quando una coppia viene da te, qual è la prima domanda che ti rivolge? Il dubbio maggiore?

R: “Vale, ma siamo in tempo  a fare tutto?”

D: Parliamo di tempistica: quanto tempo prima delle nozze sarebbe bene rivolgersi al wedding planner?   

R: Ho organizzato un matrimonio in tre settimane e mi sono pure divertita!!  Ma sarebbe meglio un anno prima.

D: C’è un matrimonio che ricordi con maggiore emozione?

R: Ogni matrimonio lascia dentro di me dei ricordi bellissimi, i preparativi, le chiamate e le domande delle spose, ma si c’è un matrimonio che ricordo con maggiore emozione… ma non posso dirti quale è .

D: Qual è la richiesta più strana che ti è stata fatta? Sei riuscita ad accontentarli o hai provato a dissuaderli?

R: Strane no, ma una giorno chiesi ad una coppia “beh cosa posso fare per voi?” e loro mi risposero “organizza il nostro matrimonio e fai tu, noi ci fidiamo completamente di te”. Grande responsabilità, ma grande emozione nel vederli soddisfatti del nostro lavoro!

D: Ultima domanda, sei sempre presente al matrimonio? Quanto è importante per gli sposi?

R: Esserci è una certezza per loro ma anche per me, voglio avere tutto sotto controllo…

Valentina: Voglio aggiungere una cosa, grazie Cinzia per avermi scelta per questa intervista, ma soprattutto grazie a tutte le coppie che in questi cinque anni mi hanno affidato il giorno più importante della loro vita,  ho nel cuore tutti i loro sorrisi!

 

Grazie ancora a Valentina per averci parlato della sua passione, che è anche il suo lavoro. Di cosa significa per lei essere un wedding planner.

Avete meno dubbi adesso? Spero di esservi stata utile, qualsiasi sia la decisione che prenderete in fine.
Cinzia La Commare.

Leggi anche: MATRIMONIO TENDENZE 2016: COME SCEGLIERE L’ABITO DA SPOSA
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.