Skip to content

Scuola green e alternativa autogestita

 

Scuola autogestita greenScegliere il nido a cui mandare il proprio figlio spesso può essere una scelta difficile se si considerano tanti fattori come la sicurezza, l’educazione e l’organizzazione della scuola.

I genitori che scelgono di mandare un bambino all’asilo nido in genere hanno molti impegni e devono organizzare al meglio il proprio tempo, ma rimane però la preoccupazione che il proprio figlio all’interno del nido si trovi in condizioni ottimali, è per questo che oggi gli asili nido hanno diverse tipologie di organizzazione, e rispetto a una volta c’è sicuramente più scelta, e più sicurezza riguardo al benessere dei piccoli.

Una recente proposta riguardo alla sicurezza negli asili nido si sta ancora valutando e trova ancora difficoltà ad essere realizzata, si tratta della proposta di una mamma di inserire le telecamere nelle strutture durante la permanenza dei bambini. Ma la proposta non è ancora stata approvata dal Garante della privacy, e mentre trova il favore di molte mamme riscontra il rifiuto di molti professionisti dell’amministrazione delle scuole, titubanti di fronte all’uso generalizzato della telecamera che secondo loro non rispetterebbe l’interesse dei minori alla riservatezza.

Vi sono addirittura asili nido che vengono autogestiti, come risposta all’esclusione delle graduatorie per usufruire delle scuole. Ci sono casi in cui alcune madri si sono impegnate, a turno, a mandare avanti una struttura prendendosi ognuna un impegno diverso dall’altro, che vanno dalla cucina, alle iniziative di gioco per i bambini, ecc.ecc. Gli asili nido autogestiti in Italia sono ancora pochi, ma è una realtà che si sta diffondendo sempre di più soprattutto nel nord Italia. Caratteristiche all’avanguardia che riguardano le strutture degli asili nido, sono soprattutto la bioedilizia e la bioarchitettura.

Le strutture costruite con questi criteri garantiscono il massimo benessere e il massimo risparmio energetico, alcune scuole dispongono di frangisole in legno che consente di ombreggiare le zone vetrate nei momenti più illuminati e caldi come accade nel periodo estivo, periodo in cui molti asili sono sempre aperti. Se partiamo da questo presupposto, dobbiamo dare l’opportunità di una continuità nel tipo di insegnamento; se il nostro bambino andrà in asili nido eco compatibili, sarà giusto proseguire questo stile.

Purtroppo non sarà molto percorribile questa strada se pensiamo alle scuole dell’obbligo, ma se pensiamo alle università la cosa potrebbe essere molto più semplice, sono infatti molti gli atenei che hanno un occhio di riguardo alla green economi, organizzando i propri campus universitari, prevedendo delle zone verdi dove gli studenti stessi possono coltivare il cibo che verrà consumato alla mensa dell’ateneo, quindi cibo a km 0, per non parlare della possibilità di non stampare carta o brochure, mettendo tutto a disposizione su una piattaforma da cui ogni studente può prendere ogni documento; ovviamente le iniziative in questo campo sono davvero molte, non ci resta che aspettare il nostro bambino passi dal nido all’università.

Davide Gallo

Avatar photo

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

2 comments on “Scuola green e alternativa autogestita”

Comments are closed.