Skip to content

Personalità dei bambini: siamo tutti dotati di ali quando nasciamo

Sì, ne sono certa.
Siamo tutti dotati di ali quando nasciamo.


Sono giovani ali adatte a far compiere i primi passi traballanti ad un piccolo esemplare di uomo che proverà la loro efficacia non appena inizierà a stare in posizione eretta. Quanti piccoli voli, quanti tentativi di sfidare la forza di gravità andati non propriamente a buon fine.
E il nostro insistere è la prova di quanto l’essere umano non sia programmato per il fallimento ma per la riuscita. Deve esserci  proprio un grosso baule genetico che ti spinge a provare e a riprovare fino a che non ce la fai.  Fino a che spicchi il tuo primo volo.

I primi anni di vita saranno tutto un risultato, tutta una scalata verso i nostri traguardi, applauditi da mamma e papà, che però, da un lato ti spingeranno e dall’altro cominceranno a metterti paletti e lacci. Sono transenne “a fin di bene” quelle che sono state trasmesse anche a loro, addirittura filtrate, diversificate e ridimensionate, se ti va bene. Impareremo a non fare questo e a non dire quello, impareremo a salutare tutti anche gli stronzi, perché la buona educazione innanzitutto.
Impareremo a disciplinarci perché non possiamo correre liberi quando ne abbiamo voglia, se ci va bene possiamo farlo al parco, sempre che ci portino; dipendiamo dai grandi.

Impareremo a stare.
Il verbo stare vuol dire tante cose. Stare in società, in casa, con gli amici, a scuola, al mondo.
Sempre per trasmissione e per emulazione, mai per decisione autonoma, per indole.
Anzi, le indoli ribelli devono essere spianate, livellate, impasticcate, analizzate, incasellate, messe a posto.
Il terrore di avere un bambino imperfetto aleggia più delle ali che possiede ancora.

E non sappiamo che cominciamo a tagliare.
Vogliamo che voli ma non dove e come vuole, vogliamo che pensi ma non troppo diverso da noi. Noi andiamo già bene così e lui deve adeguarsi al nostro modo di pensare, agire, rapportarsi, essere competitivo, non chiudendosi però nel suo mondo virtuale o fantasioso e forse migliore, forse.

Non sopportiamo il fatto che nostro figlio possa essere secondo a qualcuno.
Vogliamo che abbia dei buoni risultati scolastici ma non c’interessa se la scuola è diventata pretenziosa ma noiosa. Se insegna alla media e non al singolo, se non tiene conto di tutte quelle sfumature che siamo, perché non può, implacabilmente. Nella media non si riconosce il diverso.

Leggi anche: Caro bambino ti scrivo. Lettera a mio figlio

E continuiamo a tagliare.
Arriviamo adulti in un attimo e formati, sì formati.
Abbiamo preso la forma del contenitore in cui ci hanno messo. Se abbiamo avuto fortuna il contenitore era bello, sennò ad ognuno la forma che gli è toccata in sorte.
In tutto questo le cadute, i piccoli voli, le esplorazioni, i tentativi di diversificarsi dal mucchio, saranno già un ricordo che presto dimenticheremo.

Farà parte della nostra infanzia, di quando avevamo le ali e potevamo volare.

Linda Smeraldi

Articoli correlati

Categorized: Mamma & bimbi
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione