Skip to content

Sposarsi a San Valentino: nonno Antonio e nonna Maria

Lo sentite anche voi questo profumo di rose, d’amore e di cioccolatini confezionati in scatoline super romantiche? Io sì!

E sapete, perché? Perché è San Valentino!

Dunque in onore a questo dovrei parlarvi di quante cose carine si possono trovare per un matrimonio celebrato il 14 febbraio: palloncini da far volare subito appena usciti dalla chiesa, rigorosamente a cuore, o torta nuziale della medesima forma. Bomboniere a tema e quant’altro.  Per non parlare dei sacrifici che avranno fatto le coppie per accaparrarsi il ristorante e la chiesa proprio per il giorno di San Valentino: che sia super richiesto potete scommetterci!

Invece oggi voglio parlarvi di altro… dell’amore che dura una vita. Voi direte, e che c’entra? Dovresti parlarci di come addobbare la sala per quel giorno speciale, come richiamare il tema di San Valentino curando i minimi dettagli.

Ecco, secondo me l’unico dettaglio che richiami davvero quel giorno è il più semplice ma anche il più difficile da trovare… quello che tutti rincorriamo nella vita, quello che ci auguriamo con tutte le nostre forze di trovare: L’Amore, quello vero. Quello che ti farà battere il cuore per tutta la vita ad un ritmo diverso. Quello che cresce  negli anni e mai decrescerà.

Conosco due persone che si sono sposate il 14 febbraio di oltre sessant’anni fa.

Un giorno sono entrata in casa loro e il mio sguardo si posò su una cornice affissa alla parete del salotto, era un documento quello incorniciato: il certificato di matrimonio. Riportava la data del 14 febbraio, e pensai “che romantico sposarsi a San Valentino.”

Ma sessant’anni fa, quel periodo era solo una data come un’altra, non c’era il ristorante da prenotare in largo anticipo per poter cenare ad un tavolo illuminati da una romantica candela, non c’era lo scambio di regali tra innamorati per via di quella particolare ricorrenza. Non c’erano i mazzi di fiori (che per quel giorno ora costano il doppio rispetto al normale) da comprare solo perché era San Valentino. Era semplicemente un giorno di metà febbraio e loro si amavano. Tutto qui.

Ma non è semplicemente tutto qui: amarsi e rimanere innamorati per sessant’anni (e oltre) è qualcosa di speciale, magico. Un valore da tramandare, un insegnamento. E’ qualcosa da guardare con ammirazione, ed io li ammiro davvero tanto. Perché è difficile trovare il vero amore, qualcuno che ami per tutta la vita e non per i suoi pregi, anche per i suoi difetti.  Era una data come un’altra, ma era, ed è, il loro giorno speciale. A prescindere dal fatto che adesso sia diventato un evento di cui tutti parlano, e a cui tanti si preparano organizzando ogni romanticheria.

Queste due persone sono i nonni di mio marito e quest’anno festeggeranno un altro anno insieme, 62 anni di matrimonio… non San Valentino.  Anche se lo è, effettivamente.

Quel giorno è diventato San Valentino dopo, ma per loro è sempre stato un giorno speciale anche quando non lo era per il calendario, per la gente e per il business.

Quindi, se state organizzando il vostro matrimonio per la data che corrisponde a San Valentino, non pensate a quale oggetto possa rendere giustizia a quel tema… pensate solo che in quel giorno adesso si festeggia l’amore, e voi lo custodite già nei vostri cuori.

Tanti auguri a nonno Antonio e nonna Maria, siete un esempio da cui tutti dovremmo imparare!
Cinzia La Commare

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione