Skip to content

Stonex One: il nostro test dello smartphone Italiano di Francesco Facchinetti

Stonex smartphone francesco facchinetti

Essendo fresco possessore del discusso telefono della casa italiana Stonex, lo Stonex ONE versione DANTE, sono chiamato a recensirlo per Chizzocute.

Quindi ora parlerò del film di Checco Zalone “Quo Vado”.

Il film di Checco Zalone fa ridere.

L’apparente banalità di questa mia prima affermazione sulla pellicola potrebbe, agli occhi del lettore, far nascere qualche dubbio sulle mie velleità di critico cinematografico. Eppure e non lo dico solo io, il film fa ridere davvero, ed è una caratteristica da non sottovalutare per un film comico.

Certo, potrei addentrarmi in una profonda e puntigliosa analisi della pellicola valutandone la  regia, la colonna sonora, il montaggio, la fotografia e quant’altro. Ma non lo farò! E sapete perchè? Perchè sono solo uno spettatore e quando vado al cinema voglio ridere se il film che vedo si dichiara comico. E poi anche perchè sono chiamato a recensire un telefono e non un film.

Quindi…

StonexOne01

Googolando in rete, su Stonex One, si trova di tutto.

Lo smartphone viene analizzato da utenti molto più esperti ed appassionati del sottoscritto sull’argomento. Viene recensito e valutato per caratteristiche tecniche delle quali ignoravo l’esistenza. Viene sminuzzato ed analizzato componente per componente e si trovano in rete dibattiti, anche molto accalorati, sui suoi presunti difetti o imprecisioni.

Ma io voglio analizzare Stonex One come ho fatto qualche riga fa per il film di Zalone. Da semplice spettatore, ovvero da utente standard che acquista una device e pretende semplicemente che faccia quello che promette.

Voglio valutarlo come lo valuterebbe un utente medio che non ha alcuna voglia di addentrarsi in aspetti tecnologici che necessitano di una laurea in ingegneria elettronica per esser capiti.

Per fare questa operazione senza lasciarmi influenzare dalla mia indole “nerd”, una volta aperta la scatola ho consegnato subito il telefono, nelle mani della più feroce tester che esista per uno smartphone: mia moglie.

Ma prima di dar resoconto dell’esperienza d’utilizzo della mia dolce metà, mi pare giusto comunque fornire qualche info e dare qualche dato sul dispositivo.

Stonex è una azienda con sede a Lissone (MB) ed è nota per produrre sistemi professionali di misurazione.

Il titolare Davide Erba si è affiancato al noto Dj Francesco Facchinetti per creare e promuovere sul web tecnologia di alta gamma accessibile a tutti, quindi con prezzi estremamente concorrenziali rispetto ai competitor.

Ultimamente su sito stonexone oltre al telefono è disponibile anche una action cam “Stonex Cam” molto performante e, mentre scriviamo, in Brianza stanno anche sviluppando una App. di instant messaging e video-chiamate, denominata“Ciao IM”, che intende far concorrenza a colossi come WatsApp o Telegram.

Davvero tanta roba insomma!

Ma torniamo allo smartphone.

StonexOne03

Partiamo parlando del prezzo: 299€ sul sito della Stonex (attualmente tutte le versioni sono sold out).

Le dimensioni sono 154 x 74.2 x 8.2 mm, quasi da “phablet”; ed è venduto solo nel colore blu “Stonex” .

E’ equipaggiato con un processore MediaTek X10 Octa Core a 64 bit che, con 3GB di RAM, gestisce il sistema con sorprendente fluidità e reattività anche in situazioni d’uso intenso. Questo è possibile anche grazie alla leggerezza del sistema operativo Android Stock  (Android 5.1 personalizzato ”Ciao OS”).

Uno dei punti di forza del telefono “Made in Brianza” è il display di tipo IPS da 5.5” con risoluzione Quad HD da ben 534 PPI ovvero di 2560×1440 ppi . Una risoluzione del genere è offerta ad esempio dal Galaxy S6, ma a che prezzo?

Impressionante poi la definizione della fotocamera posteriore (quella principale). Stonex One monta infatti un sensore posteriore Sony da ben 21 Megapixel  (!) con una messa a fuoco molto performante a livello di macro. La camera frontale  invece genera scatti di “soli” 8 Megapixel.

Stonex rilascia ogni 2 o 3 settimane degli aggiornamenti per sistemare alcuni bug che per un telefono di fresca uscita, definirei fisiologici, inoltre sono previste migliorie per il software della fotocamera che presenta ancora qualche rallentamento in fase di messa a fuoco, e per l’autonomia della batteria rimovibile da 3000 mAh. (La batteria essendo removibile, volendo si potrebbe comprarne un’altra e cambiarla al momento del bisogno come si faceva una volta con le batterie del WalkMan, ma queste sono solo mie fantasie).

StonexOne04

Ma toniamo alla “tester”.

“A cosa mi serve un cellulare così potente? E’ come andare a prendere la bambina all’asilo in Porsche!” Bhè evidentemente “in Porsche” si sta comodi perchè mia moglie all’inizio titubante, sta tutt’ora utilizzando Stonex One con piena soddisfazione ormai da mesi e non intende assolutamente restituirmelo.

StonexOne02Fino ad ora lei non ha rilevato particolari problemi se non nell’utilizzo della macchina fotografica che risulta semplicemente poco user friendly. Il telefono fa quello che promette e a tratti lo fa sorprendentemente bene. Una foto scattata a 21 mega pixel oppure un video girato a 4K stupiscono per la definizione. Mia moglie ha trovato poi particolarmente pratica la possibilità di spostare le foto dal telefono al PC semplicemente estraendo la micro sim di espansione memoria (che può arrivare ad un massimo di 64Gb) ed inserendola poi nel lettore schede del PC .

Personalmente invece non ero convinto della scocca posteriore del telefono: la ritenevo leggera e di facile rottura, invece è ancora integra e priva di graffi nonostante venga “lanciato” in borsetta da circa 2 mesi. 

In conclusione mi sento di dire che questo telefono ha più pregi (uno su tutti il prezzo) che difetti. A livello hardware è tra i top gamma del mercato, e con i continui aggiornamenti rilasciati dagli sviluppatori nei prossimi mesi, eliminando quei piccoli bug che sono già stati segnalati potrà solo migliorare.

Mauro Tettamanzi

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.