Skip to content

Tendenze Food: Social Eating ed Home Restaurant

È possibile unire la qualità di un ristorante alla comodità di una casa? E trasformare una semplice cena in un’occasione di nuovi incontri? Da ora sì.

Il social eating, fenomeno di matrice estera, è ormai una realtà anche in Italia. Chi ha la passione per la cucina può quindi aprire le porte della propria casa, organizzando eventi in cui buon cibo e socialità vanno di pari passo. Il tutto con prezzi sempre competitivi, che variano a seconda della tipologia dell’evento – che si tratti di un aperitivo, una cena, un brunch, oppure una colazione.

Grazie a piattaforme come Gnammo – la prima start up italiana nel settore, fondata nel 2012 da Cristiano Rigon, Gianluca Ranno e Walter Dabbicco – gli eventi di social eating si stanno moltiplicando e attraggono un pubblico sempre più numeroso e affezionato.

Ne sa qualcosa Sebastiano Mauri, cuoco professionista che, negli ultimi mesi, ha dato vita al suo Home Restaurant, e alla sua attività di cuoco a domicilio, reinterpretando in chiave personale queste nuove tendenze del mondo food.

Sebastiano, ci sveli come hai scoperto il social eating e perché hai deciso di buttarti in questa avventura?

“In realtà, come quasi tutte le cose belle della vita, anche questa è iniziata per caso. Ho lavorato come cuoco in diversi ristoranti, sia in Italia che all’estero, e ad un certo punto ho iniziato a volere fortemente qualcosa di tutto mio, al quale dare la mia impronta personale. Qui, per caso – come dicevo – sono venuto a conoscenza del fenomeno degli Home Restaurant, e ho voluto cimentarmi in questa sfida per offrire ai miei ospiti una cucina di altissima qualità, ma sempre tenendo un prezzo accessibile a tutti

Quindi è davvero possibile fare cucina di alto livello a prezzi accessibili?

“Certamente! Il passaparola di amici mi ha aiutato a trovare clienti sempre nuovi, interessati a piatti particolari – anche su richiesta – o pronti a lanciarsi alla scoperta di sapori nuovi, stravaganti, che mai avrebbero provato in un contesto di ristorante “vero”, se mi passi il termine.  Per dare un’idea, cene complete, di carne o pesce, usando materie prime sempre fresche ed eccellenti, possono arrivare a circa 25/30, vino compreso. Un buon 30% in meno rispetto allo standard!”

Catering battesimo

Ci hai incuriositi, dunque ti chiediamo: come funziona, in pratica, il social eating?

“Guarda, non potresti immaginare nulla di più semplice! Io, di solito, carico le mie proposte su un portale tipo Gnammo, fisso una data, un prezzo e un numero massimo di persone. Gli interessati possono prenotare direttamente online, per sé e per gli amici. Anche il pagamento avviene online, così il tutto avviene in massima sicurezza. La sera dell’evento, poi, ci si trova tutti – magari per la prima volta – faccia a faccia. Superare l’imbarazzo è questione di un attimo, e credimi che parlo per esperienza diretta!”

Chef a domicilio_BrianzaE cosa ci dici invece del lavoro di cuoco a domicilio?

“Questo è un altro fenomeno in crescita, anche se decisamente più tradizionale. Funziona “a chiamata”, per chi magari non ha voglia di muoversi, o per questioni personali non è libero di farlo (mi è capitata di recente una coppia con un neonato, che ha trovato più comodo cenare direttamente a casa). Concordato un menu e il relativo prezzo, mi presento direttamente in loco con la mia attrezzatura. Cucino, spiego i piatti, posso anche consigliare un vino all’occorrenza, et voilà, la cena è servita.”

Dove possiamo contattarti?

Ho una pagina facebook chiamata “HomeRestauranTT” con la doppia T alla fine mi raccomando, li troverete foto dei miei piatti, indirizzo e contatto telefonico. La mia mail è: homerestaurantt@gmail.com, vi aspetto!

Gruppo Armonia

Articoli correlati

Categorized: LIFESTYLE
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione