Skip to content

Come tirare e conservare il latte materno (frigorifero o freezer)

Siamo abituati a considerarlo un alimento per bambini molto piccoli, ma il latte umano è molto più di questo.

Il latte materno, infatti, non è un semplice alimento, ma un tessuto liquido prodotto dalla madre attraverso la propria mammella durante l’allattamento. Essendo un tessuto, è quindi un qualcosa di vivo che contiene sostanze anti-ossidanti, anti-batteriche, probiotiche ed immuno-stimolanti, ma anche cellule intere e vitali.

Il modo migliore (e più comodo) per somministrare il latte materno ai bimbi è “direttamente dalla fonte”, ma talvolta si rende necessario, per le mamme, tirarsi il latte e conservarlo. La scienza ha fatto chiarezza a riguardo: la conservazione del latte materno è sicura e può provvedere in modo soddisfacente alle esigenze nutrizionali dei piccoli, laddove non sia possibile attaccarli al seno.

Per tirare e conservare il latte in modo sicuro, basta seguire delle semplici indicazioni:

  1. Lavatevi sempre le mani con acqua e sapone, prima di procedere con l’estrazione del latte. Non è invece necessario lavare seno e capezzoli o buttare le prime gocce di latte tirato.
  2. L’estrazione può essere effettuata tramite spremitura manuale del seno oppure utilizzando un tiralatte, elettrico o manuale. La scelta del metodo di estrazione si basa sulle diverse esigenze, ad esempio, il tiralatte elettrico è più efficace e veloce e sarà quindi da preferire in caso dobbiate tirare grandi quantità con grande frequenza. Il tiralatte manuale o la spremitura possono invece tornare utili in caso di estrazione saltuaria oppure quando è necessario tirare il latte per alleggerire la tensione sul seno.
  3. Lavate i contenitori che verranno a contatto con il latte materno usando acqua e sapone, ricordatevi di risciacquare e risciacquare molto bene. Non è necessario procedere alla disinfezione a caldo o chimica; solo nel caso che non sia disponibile del sapone, è opportuno bollire i contenitori.
  4. Il latte tirato può essere conservato in contenitori di vetro o di polipropilene (plastica PP). Anche le sacche per il latte possono essere utilizzate, a patto che siano ben chiuse e conservate in modo tale da minimizzare il rischio di danni alla sacca piena; le sacche, infatti, sono più soggette a rotture rispetto ai contenitori di plastica rigida. Da evitare, invece, i contenitori metallici e i contenitori in plastica con Bisphenolo A.
  5. il latte può essere conservato a temperatura ambiente, nel frigorifero oppure può essere congelato. Le diverse temperature di conservazione influiscono sui tempi di conservazione (vedi tabella seguente).

Temperature di conservazione latte materno

LuogoTemperaturaTempo di conservazione raccomandato
Temperatura ambiente16-29 °C3-4 ore
Frigorifero4 °C3-8 giorni
Freezer-20 °C3-6 mesi

 

Una volta scongelato, il latte deve essere consumato entro poche ore, soprattutto se il latte è conservato fuori dal frigo.

Ovviamente, non è possibile ricongelare il latte scongelato.

Per questo motivo, è meglio congelare il latte dividendolo in dosi non molto abbondanti: si potrebbero, ad esempio, fare porzioni da 100 e da 50 ml.

Una cosa molto importante da tenere presente è che la quantità di latte tirato, manualmente o con tiralatte, NON è indicativa dell’effettiva produzione di latte.

Ci sono donne che riescono a tirare solo pochi ml per volta, eppure soddisfano in modo ottimale il fabbisogno del proprio bimbo, attaccandolo al seno. Non c’è sistema di estrazione migliore che la suzione del nostro bambino!

Le vostre Rolling mamas.

Articoli correlati

La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.