Skip to content

Pronti per una vacanza in barca a vela? Noleggio ed altre info

E così Marzo è arrivato, dopo un inverno davvero strano e un febbraio dannatamente bisestile, avvolto ancora dalle classiche note invernali legate al nome e ai colori del carnevale.

Non che il clima sia stato particolarmente coerente ma Marzo ha già in se quel non so che di: oh, finalmente è primavera.

Quindi tutti pronti a googolare qualche destinazione improvvisata per un weekend o ad abbattere le barriere creative della prossima vacanza estiva. E se quest’anno provassimo la barca a vela? Che ne dici?

Abbiamo già visto quali sono gli aspetti positivi di una barca a vela, cosa sapere e come approcciarla, quindi direi che è arrivato finalmente il momento di provarla.

Leggi anche: Barca a vela per principianti: 5 regole di bordo fondamentali

Se si sceglie di fare una vacanza in barca a vela o anche solo un weekend, vuol dire che si ama la dinamicità e la convivenza con altre persone ed i loro immancabili stili di vita. Si è tendenzialmente collaborativi, l’improvvisazione non è un dramma ma soprattutto si ama il mare, la natura e la semplicità che questo stile di vacanza è in grado di offrire.

Ovviamente si può scegliere in base ai propri gusti. Quindi dai più raffinati ed esclusivi, dove il servizio è prima di tutto, a quelli un po’ più “selvaggi”, anche in perfetto stile “campeggio nautico”, dove l’arte del sapersi adattare e arrangiare non è da sottovalutare. Quindi per non rimanere delusi, è necessario avere le idee chiare e soprattutto sapere ciò che non si vuole.

Il mercato offre davvero molti spunti e Google aiuta molto in questo, anche se in certi casi anche troppo. Quindi vediamo cosa e come cercare.

Che tipo sei?

Famiglia, single o single con figli? Sportivi, comodi o avventurosi? Insomma quando cercate la vostra vacanza in barca, pensate prima di tutto a chi siete, cosa vi piace e al grado di adattabilità che è in voi. Non fatevi però spaventare da nulla. La barca è davvero per tutti. Importante è capire solo se volete essere più stile natura, sport, organizzazione e a letto presto oppure avventura e improvvisazione, con qualche variante sul tema da scoprire quindi strada facendo. Approfondiremo il tema “che tipo sei” in un prossimo articolo.

Dove andare?

Le destinazioni nel Mediterraneo sono davvero molte. Oltre l’Italia con le sue splendide coste e isole, abbiamo la Croazia, le isole greche ioniche, tutta la Grecia cicladica, le Sporadi, il Peloponneso, ecc. Poi Creta, Malta, Turchia, Baleari, Porquerolles. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti. Si può scegliere di oltrepassare Gibilterra per arrivare alle Canarie, Capo Verde, Portogallo, ottime mete ma un po’ più impegnative per le prime volte. L’Oceano è affascinante ma leggermente autoritario, rispetto al più relativamente dolce Mediterraneo.

Per le famiglie più “tranquille” l’Italia, le Ioniche e la Croazia sono un’ottima destinazione. In Croazia ad esempio le flotte di barche a disposizione da noleggiare sono ben tenute e i servizi sono all’altezza delle aspettative.

Per le famiglie più “sportive”, la Grecia cicladica è certamente quella più azzeccata. Al di là dello splendore tipico delle isole, il Meltemi, il vento che soffia da nord, può essere un compagno di viaggio un po’ invadente ma non è detto che si faccia vedere. Lo skipper sarà certamente cauto e accorto in caso, per fare sempre tutto in assoluta sicurezza.

Per i più romantici e avventurosi le coste africane sono quelle più interessanti, anche se politicamente il momento non è dei più favorevoli.

Come scegliere

Qui sotto vi elenco una serie di link dove poter scoprire vari dettagli e farsi dunque un’idea ma prima alcune cose da capire:

  1. Quanti siete? Se siete almeno in 6 o 7 la barca praticamente sarà occupata solo da voi in linea di massima, altrimenti sappiate che verrete aggregati ad altri. Chiedete chi saranno i vostri compagni di viaggio se questo vi preoccupa. Ricordate però che vi ho sempre detto che la cosa che conta è lo spirito di adattamento e di gruppo. Non fatevi spaventare da questo dunque. Le differenze arricchiscono 😉
  2. Quanto volete spendere? La comodità si paga, lo sappiamo. Per cui le barche possono essere nuovissime o un po’ datate. I servizi a bordo possono essere esclusivi (hostess, cuoco, nursery) o i minimi indispensabili, basta far sapere a chi contattate cosa state cercando e cosa vorreste. Sapranno consigliarvi nel migliore dei modi.
  3. Cosa volete fare? I programmi proposti sono tanti. Per cui fate sapere quali sono i vostri gusti. Relax, sole e natura o gruppi, organizzazione e divertimento? Ci sono organizzazioni che prevedono guide naturali ad esempio (biologi e informatori) che vi insegnano a scoprire la natura circostante. Poi ci sono le flottiglie, cioè gruppi di più barche che si muovono sulla stessa rotta, organizzando serate a terra, in rada, animazione, più o meno “coinvolgenti”. Fatevi spiegare il tipo di programma che intendono proporvi. Meglio sapere prima ciò che vi aspetta, piuttosto che avere sorprese in seguito.

Riguardo ai dettagli operativi per raggiungere i luoghi di imbarco nessun problema. Chiedete se ci sono già dei voli che possano proporvi o nel caso vogliate gestirveli da soli, fatevi dire esattamente dove si trovano i punti di imbarco e per che ora sono previsti gli incontri. Non dimenticate di chiedere qualcosa su eventuali transfert a disposizione.

Ed ora un po’ di link.

Vi propongo associazioni, tour operator e piattaforme di aggregazione. Di tutto e di più insomma. Le prime sono quelle più o meno organizzate che nascono dalla volontà di unire gli appassionati del mare e della vela. Tesserati di un circolo velico (quindi assicurati) e uniti normalmente da un sano spirito naturale e sportivo. Quindi può essere che dobbiate essere anche un po’ indipendenti e poco pretenziosi.

I tour operator per definizione sono società ben organizzate, che lavorano sui servizi al cliente, la logistica ed ogni dettaglio possa rendere indimenticabile la vacanza. Ovviamente i costi possono essere differenti rispetto le associazioni. Ma voi sapete esattamente cosa cercate, per cui approfondite e scegliete ciò che vi fa stare più tranquilli.

Infine le piattaforme. Queste sono l’ultima frontiera digital. Si condivide ogni cosa ormai: un passaggio in macchina, la macchina, il cibo, l’amore ed anche la vela. Per cui qui si trovano armatori normalmente (proprietari di barche) che mettono a disposizione la loro barca per organizzare una vacanza che solitamente vi propongono già nel loro stile. Nella migliore delle ipotesi nel sito c’è la possibilità di vedere foto e descrizione dello skipper e chi ha a bordo.

In ogni situazione c’è sempre e comunque la possibilità di contattare chi di dovere per fare tutte le domande che servono per chiarire ogni eventuale dubbio o curiosità.

Ecco a voi l’elenco dunque.

Avrò certamente dimenticato qualcuno perché ce ne sono davvero a centinaia in Italia ma in linea di massima questi sono quelli che conosco per esperienza diretta o per sentito dire:

Società e associazioni vela

  • forsailing.it
  • orzaminore.it
  • velamica.com
  • sailingandsea.com
  • progettoceano.com
  • utopiascuolavela.it
  • snowandsea.net
  • velamare.it
  • viverelavela.it
  • velaclub.com
  • marvelia.it
  • sailorcompany.com
  • albatross.it
  • wesail.it
  • be-marine.it

 

Tour operator

  • watertribe.it
  • mondovela.it
  • horcamyseria.it
  • jonas.com

Piattaforme di aggregazione

  • sailsquare.it
  • sailogy.com/it
  • bluewago.it
  • sail-up.it
  • holaboat.com
  • antlos.com
  • incrediblue.com
  • theyachtweek.com
  • zeppelin.it

Gruppi vela su Facebook

In questi gruppi c’è di tutto, dall’appassionato al neofita. Da chi vende o compra a chi cerca qualcuno o qualcosa. Ottimo modo per trovare info e confrontarsi su vari temi legati a questa esperienza.

  • Vela cerco offro imbarco
  • Velisti su Facebook
  • Bacheca annunci dei velisti
  • Bla bla sail

Bene.

Spero di avervi dato una panoramica sufficientemente chiara per organizzare la vostra esperienza in barca a vela e nel caso abbiate qualche dubbio, fatemelo sapere. Sarò lieto di chiarirli.

Che dire dunque: buon vento e buona vacanza 😀

Aldo

Categorized: Viaggi
Tagged:

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.