Skip to content

Vestiti di Natale e tradizioni: la regalità di quand’ero bambina

Vestiti di Natale bambinoIo me li ricordo i Natale di quando eravamo bambini. Me li ricordo, e sono i ricordi che più di tutti mi regalano un miscuglio di malinconia e nostalgia.

Mamma e zia che si organizzavano in modo da essere dalla nonna nella stessa festa, perché se Natale lo facevamo con nonna Anna, Capodanno era da nonna Tanina. Poi le donne di casa stabilivano il menu, che si preparava tutte insieme. Eravamo sempre tantissimi, zii che scendevano dal nord per passare le feste con noi, cugini, amici e parenti di parenti, e benedetti i magazzini che venivano per l’occasione allestiti come grandi sale da pranzo e da gioco.

L’atmosfera era gioiosa, allegra, dinamica, serena, e soprattutto giocosa, perché dopo la cena della vigilia si giocava tutti a carte e alla tombola, tra risate, tra “ma non vedi che la briscola è a coppe? Che cavolo metti il carico?“, tra “Dai, facciamo un giro a sette e mezzo, che poi giochiamo a 31“, tra “Amunì, smettete un attimo di giocare che adesso arriva babbo Natale!“, tra “Caspita, sono le 5 del mattino e noi stiamo ancora giocando! Domani di questo passo arriveremo per il pranzo alle 3 del pomeriggio…” e mia madre che ci ammoniva ogni tanto con “Loredana e Niky, non buttatevi per terra, che avete messi i vestiti nuovi e ve li devo rimettere anche domani!

Perché il vestito della festa mamma ce lo comprava di ottima fattura, e andava rispettato. Non siamo mai stati una famiglia dalle grandi risorse economiche, ma io ricordo che per mia madre era importantissimo che a Natale e Capodanno indossassimo dei vestiti belli, e di buona qualità, perché c’erano tutti i parenti e dovevamo fare bella figura.
Ecco perché quest’anno mi sono un po’ emozionata nello scegliere l’outfit natalizio di Didì. Abbiamo fatto shopping da Brums, come mia madre faceva per noi, con la differenza che abbiamo scelto l’e-commerce, nelle collezioni Cerimonia e Natale Brums sezione Bambino: non c’è nessun parente lontano sul quale fare bella figura, non ci saranno grandi cene, non ci saranno tombolate, ma voglio che il mio bambino senta la stessa regalità verso questa festa che avvertivo io, anche attraverso la cura con cui sceglierò i suoi vestiti. Come mia madre per noi, sì.
Vestiti Natale bambino Brums
Mi chiedo spesso se mio figlio avrà un giorno dei bei ricordi come quelli che ho io, e soprattutto mi chiedo come creare un po’ di magia nonostante molte cose siano cambiate rispetto a quando io ero una bambina.
Forse gli basterà vedere l’amore che si respira nella nostra piccola famiglia. Forse troverà emozionante una bella passeggiata in una Palermo illuminata, un giro per i mercatini natalizi, e magari porteremo un piccolo dono a chi quella piccola famiglia d’amore non ce l’ha, augurando buon Natale a chi è meno fortunato.
Lui ha 21 mesi, e mi piacerebbe dar vita già da adesso a delle piccole nuove tradizioni per lui, che lo accompagneranno nei suoi ricordi, perché mi rendo conto di quanto per l’essere umano adulto questi siano importanti, soprattutto quando poi i tempi cambiano, e non ti rimane che aggrapparti a loro, cercando di donare a tua volta dei momenti di qualità a chi sarà l’adulto di domani.

BuzzooleLoredana Amodeo

Categorized: Moda bambini
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione