Skip to content

Termini ricorso cassazione: cosa è e come si propone

Il ricorso per Cassazione è un mezzo di impugnazione e rappresenta al tempo stesso l’ultimo grado di giurisdizione, che pone fine all’iter processuale di un giudizio.

La Cassazione è deputata ad operare un controllo sulla esatta applicazione delle norme di diritto, per questo il suo sindacato è di legittimità, non potendo la stessa andare a valutare il merito della controversia sottoposta alla sua attenzione.

Il ricorso per cassazione è disciplinato dall’art.360 del codice di procedura civile e può essere esperito solo nei casi tassativamente previsti dalla legge.

Pertanto possono essere  impugnate attraverso il ricorso per Cassazione le sentenze pronunciate in unico grado o in grado d’appello:

  1. per motivi attinenti alla giurisdizione
  2. per violazione delle norme sulla competenza, quando non è prescritto il regolamento di competenza;
  3. per violazione o falsa applicazione di norme di diritto e dei contratti e accordi collettivi nazionali di lavoro;
  4. per nullità della sentenza o del procedimento;
  5. per omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti.

Esiste altresì il ricorso per saltum, ovvero è possibile ricorrere alla Cassazione direttamente senza andare in appello, se le parti concordano per omettere l’appello, ma in tale ultima ipotesi, il gravame è proponibile solo per violazione o falsa applicazione di norme di diritto o dei contratti e accordi collettivi nazionali di lavoro.

Tuttavia, è bene sapere che prima di avviare un ricorso per Cassazione è necessario rivolgersi ad un avvocato iscritto nell’albo dei Cassazionisti e che sia munito d procura speciale,

Inoltre, il ricorso deve contenere a pena di inammissibilità: l’indicazione del provvedimento impugnato; l’indicazione delle parti; l’illustrazione sommaria dei fatti di causa; l’indicazione della procura se conferita con atto separato e dell’eventuale decreto di ammissione al gratuito patrocinio; l’indicazione degli atti processuali, dei contratti o accordi collettivi o dei documenti sui quali si fonda il ricorso e, soprattutto, i motivi del ricorso con l’indicazione delle norme di diritto su cui si fondano. 

Il ricorso per Cassazione va depositato nella cancelleria della Corte, a pena di improcedibilità, entro 20 giorni dall’ultima notifica fatta alle parti contro le quali è proposto insieme a una copia autentica del provvedimento impugnato.

Alessandra Inchingolo

Categorized: Legge
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione