Skip to content

Legge di Stabilità 2016: le agevolazioni e gli sgravi previsti

legge di stabilità 2016Il nuovo anno, per quanto pieno di speranze e ancora tutto da scrivere, ha in serbo comunque delle novità, in primis la Legge di Stabilità.

La Legge di Stabilità ha ottenuto il placet della Camera senza ricorrere al voto di fiducia ed è stata approvata dal Senato prima di Natale.

La nuova Manovra, infatti toccherà vari settori, come quello del lavoro, delle assunzioni, delle pensioni , quello degli investimenti e della sicurezza.

Ecco le novità più salienti:

  • Abolizione della TASI sugli immobili residenziali adibiti ad abitazione principale, ad eccezione di quelli di particolare pregio, ville e castelli. La TASI viene annullata anche per gli inquilini che detengono un immobile adibito a prima casa;
  • Cancellazione dell’ IMU sui terreni agricoli e sui macchinari d’impresa cosiddetti imbullonati. Sugli immobili locati a canone concordato i proprietari invece verseranno IMU e TASI ridotta del 75%. Per la perdita di gettito che ne deriverà, i Comuni saranno interamente compensati dallo Stato;
  • Leasing  CASA, che prevede la possibilità di comprare la prima casa in leasing, come per l’automobile. Inoltre anche la seconda casa, posseduta nel medesimo Comune in cui si ha la residenza, se data in comodato ai figli, potrà beneficiare dell’esenzione del 50% di IMU e TASI;
  • Card Famiglia riservata alle famiglie numerose, residenti, anche se straniere, con almeno tre figli minori a carico. Si tratta di una card volontaria che consentirà, in base all’ISEE, di ottenere sconti a servizi privati e pubblici che aderiranno all’iniziativa.

Il Governo, inoltre, ha preannunciato lo stanziamento di 2 miliardi di euro per la sicurezza. Di cui almeno 150 milioni per la cybersecurity, allo scopo di scovare le centrali e le reti  informatiche del terrorismo. Altri 500 milioni da destinare alle operazioni di sicurezza in Italia e 50 milioni andranno alle strumentazioni delle forze dell’ordine. Poliziotti, carabinieri e forze armate avranno anche gli 80 euro del Bonus irpef in busta paga, indipendentemente dal reddito. I giovani che compiono 18 anni avranno come gli insegnanti (non avessero abbastanza benefits!) un bonus una tantum di 500 euro da spendere in eventi culturali.

Saranno prorogati per un altro anno, gli incentivi alle ristrutturazioni edilizie, i cui costi possono oggi essere detratti dall’irpef per una quota del 50%. Lo stesso vale per le detrazioni legate agli interventi sul risparmio energetico, che dovrebbero rimanere al 65% per almeno 12 mesi ancora. Rinnovato anche il Bonus Mobili, che consente di detrarre in 10 anni la metà della spesa per gli arredi. Dal 2016, però, le agevolazioni verranno estese anche alle giovani coppie  che comprano un’abitazione (e non solo a chi la ristruttura).

Inoltre è previsto l’innalzamento da 7.500 a 8mila euro della no tax area per i pensionati con più di 75 anni, cioè del limite di reddito al di sotto del quale non si paga l’irpef. Per i pensionati con meno di 75 anni, la no tax area salirà invece da 7.500 a 7.750 euro.

Pare, altresì che sarà consentito a chi ha almeno 63 anni e 7 mesi di età di lavorare part-time nell’ultima parte della carriera, ma con una retribuzione vicina a quella ordinaria. Tuttavia, tale beneficio è legato alla necessità di stipulare un accordo individuale con l’azienda, che continuerà a versare i contributi come se il dipendente continuasse a lavorare a tempo pieno.

Verranno tagliate le risorse ai patronati e ai Caf, i centri di assistenza fiscale gestiti dai sindacati e dalle associazioni di categoria. Nello specifico, sarà abbassato da 100 a 40 milioni il taglio per i caf nel 2016 e a 30 milioni quelli previsti invece nel 2017 e nel 2018. Per i patronati, il prossimo anno ci saranno 15 milioni di risorse in meno, contro i 48 milioni previsti in origine.

Mentre aumenterà, da mille a 3mila euro, il limite all’utilizzo dei contanti, resta invece a mille euro il tetto ai contanti per i pagamenti con Money Transfer, dove vi è alto rischio di riciclaggio di denaro all’estero.

Per quel che riguarda il Canone Rai scenderà da 113 a 100 euro ma sarà inserito nella bolletta elettrica,con addebito in 10 rate consecutive.

Forse, tra le varie novità il popolo delle Partite Iva tirerà un po’ il fiato, visto che pare sarà approvato, con una legge collegata alla manovra, un vero e proprio Statuto dei lavoratori autonomi, ribattezzato dal Premier “ il Jobs Act delle partite iva”. L’obiettivo è introdurre per gli autonomi delle tutele oggi inesistenti come l’indennità di malattia.

Novità anche per il codice della strada. Alle violazioni accertabili con apparecchiature di rilevamento, ovvero anche attraverso gli autovelox, si aggiungono la mancata revisione dei veicoli e la scadenza o assenza delle assicurazioni Rc auto.

Divieto di acquisto e noleggio di auto blu,  prorogato al 31 dicembre 2016, per pubbliche amministrazioni, autorità indipendenti e Consob.

Tra le novità degli ultimi giorni, è previsto lo stanziamento di un Fondo Salva-Risparmiatori pari a 100 milioni di euro, che servirà a risarcire parzialmente chi ha investito nelle obbligazioni subordinate delle 4 banche regionali finite sull’orlo del crack nelle scorse settimane (Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e Carife).

Insomma, che dire?! Il nuovo anno porta con sé aria di rinnovamento e bisogna ammettere che ha pensato proprio a tutto!

Avvocato Inchingolo

Leggi anche: SMART WORKING, ARRIVA UNA LEGGE PER CHI LAVORA DA CASA
Categorized: Legge
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.