Skip to content

Torta bicolore soffice e leggera

Una nuvola di delizioso impasto al cacao si confonde nell’abbraccio dolce della vaniglia.

Ci sono dolci intramontabili, accostamenti di sapori che non stuferanno mai, ricette della nonna che verranno tramandate per generazioni e generazioni: è questo il caso della torta variegata, un classico della pasticceria casalinga, che ha un suo perché anche nelle preparazioni più sofisticate. La sua semplicità è proporzionale all’indiscutibile golosità, che da sempre conquista grandi e piccini. Pochi semplici ingredienti sono la base per due impasti, uno chiaro e uno scuro, che si abbracciano in una torta molto scenografica, perfetta per le serate in compagnia, le colazioni di famiglia o una gustosa merenda. 

La torta bicolore, infatti, si può tuffare nel latte e nel tè senza rimorsi: la sua texture morbida e soffice, leggera la punto giusto, trattiene i liquidi senza sfaldarsi.

Perfetta riscaldata, per sprigionare tutto il profumo del cacao e l’aroma dolce della vaniglia, si fa desiderare ancora di più accompagnata da una pallina di gelato: anche qui, a scelta tra vaniglia, crema, cioccolato, nocciola… e chi più ne ha più ne metta! Ma se siete sempre di fretta e non avete mai abbastanza tempo, la torta bicolore vi donerà un momento di piacere anche “al volo”, senza orpelli, affettata e mangiata!

Ingredienti
  • 350 gr di farina 00
  • 20 gr di cacao amaro in polvere
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 150 gr di burro
  • 170 gr di latte intero
  • 4 uova medie
  • un baccello di vaniglia
  • un pizzico di sale
  • una bustina di lievito per dolci
Preparazione

La preparazione della torta bicolore è molto semplice e veloce: bastano 10 minuti per assemblare l’impasto, ma necessita di una lunga cottura ad una temperatura non troppo alta. Vediamo come fare, passo dopo passo.

Prendete il burro, badando che sia a temperatura ambiente, e mescolatelo accuratamente con lo zucchero e un pizzico di sale. Quando lo zucchero sarà ben sciolto passate alla vaniglia: prendete il baccello e incidetelo a metà per il verso della lunghezza, con un coltellino estraete i semi e aggiungeteli all’impasto di burro e zucchero, insieme alle uova ben sbattute. 

Continuando a mescolare, versate a filo anche il latte: come per il burro, fate in modo che quando lo usate non sia freddo come quello appena tirato fuori dal frigo (semmai riscaldatelo qualche secondo in un padellino su fiamma bassa).

Dei 350 gr di farina, tenete da parte 50 gr; il resto setacciatelo con cura insieme al lievito e aggiungetelo all’impasto, un cucchiaio alla volta; mescolate con regolarità finché tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati.

Ora arriva il momento più importante di tutta la preparazione: bisogna dividere l’impasto chiaro da quello scuro. Per ottenere i due colori, prendete due terzi dell’impasto e versatelo in una ciotola insieme ai 50 gr di farina che avete tenuto da parte; mescolate per bene. L’impasto che resta nella prima ciotola dovrà essere mescolato, invece, con il cacao amaro, precedentemente setacciato per evitare la formazione di grumi.

Quando i due impasti saranno di nuovo lisci e omogenei, prendete la ciotola “chiara” e versate metà del contenuto in una teglia rotonda imburrata e infarinata; livellate bene con un cucchiaio e poi, delicatamente, versate sopra all’impasto chiaro tutto il contenuto della ciotola “scura”. Livellate nuovamente e passate alla stesura della restante parte di impasto chiaro. 

Come anticipato, la cottura sarà piuttosto lenta: infornate la torta nel forno preriscaldato a 170°C per circa 50 minuti, trascorsi i quali potrete verificare la cottura con la prova dello stuzzicadenti (infilzatelo nella torta: se esce asciutto la torta è pronta). Per servire la torta toglietela con delicatezza dalla teglia e servitela a fette, in modo che si possa ammirare tutta la simpatia del bicolore!

Consigli
  1. Un’alternativa alla disposizione degli impasti “a strati” è disporli in cerchi concentrici, alternando un po’ di impasto chiaro e un po’ scuro partendo dal centro della teglia: l’effetto sarà più “marmorizzato”. 
  2. Per rendere la torta ancora più golosa potete guarnirla con una glassa di zucchero.
  3. Potete conservare la torta coperta con una campana di vetro o della pellicola trasparente per un paio di giorni, oltre i quali la torta tenderà a perdere la naturale sofficità.

Barbara

Articoli correlati

Categorized: Ricette
La Chizzo

La Chizzo

Un caban in cashmere avvolgente e un paio di jeans veloci, un filo di Chanel peonia sulle labbra e Hunter colorati ai piedi.
Sono io, Barbara: una vita a colori e un mix and match di contrasti ai quali non saprei rinunciare!
Un lavoro nel mondo frenetico del digital, fatto di strette di mano e vita mondana, e una casa immersa nella natura e nella pace da condividere con le persone che amo, la mia famiglia. Qui troverai maggiori informazioni su di me

All posts by La Chizzo