Skip to content

Separazione e figli: come comportarsi?

Come comportarsi in caso di separazione e figli, nel rispetto di questi ultimi.

Sono una mamma separata da tanto tempo ormai, e cioè da quando mia figlia aveva quasi cinque anni. E’ chiaro che l’idea di separarmi non è scattata un bel giorno e poi in quattro e quattro otto l’ho fatto. Ci sono voluti mesi di pensieri, titubanze, prima di mettere in pratica quello che ormai era evidente, e cioè che il rapporto con mio marito era ormai concluso e che forse la soluzione migliore era quella di chiudere la nostra storia prima di fare i separati in casa a vita.

Non è stato semplice prendere atto di quella decisione, ma mi ricordo che una delle cose che mi sono sempre detta, e che ho cercato di realizzare, è il fatto che se era vero che il rapporto fra me e mio marito era finito, non lo era certo quello fra lui e nostra figlia, e che se anche io non ritenevo più possibile una convivenza con lui, quello era un problema di due adulti in relazione al nostro essere marito e moglie, mentre il rapporto di genitori sarebbe andato avanti per sempre, pur con evidenti difficoltà fra noi due adulti.

Ne ho parlato con amici, ho ascoltato storie di persone che a volte non conoscevo e mi sono accorta che non sempre per tutti è così e che alcuni adulti a volte si dimenticano di questo aspetto, per me estremamente importante: se anche fra due adulti una storia d’amore è finita, quella fra genitore e figli è una storia d’amore che va oltre tutto ed è sempre presente. A volte ho ascoltato fatti al limite dell’incredibile, quindi per documentarmi e capire se e cosa in genere accade fra due adulti che si separano ho voluto intervistare chi si occupa di tali temi e che ne è a conoscenza in modo approfondito. Ho intervistato quindi la dottoressa Elena Zighetti, neuropsicomotricista e psicopedagogista, che da oltre vent’anni si occupa di problematiche inerenti all’infanzia, ed è specializzata in disturbi d’apprendimento e percorsi relativi alla genitorialità.

Ecco l’intervista finalizzata a capire per capire quali sono le dinamiche che accadono più frequentemente.

Domanda: Esistono mamme che creano problemi con i padri: se si, è un fatto generalizzato?

Elena:

Se partiamo dal presupposto che per ogni individuo interrompere un legame o separarsi è qualcosa di estremamente doloroso e complicato, possiamo comprendere la difficoltà in cui si trovano i genitori nel momento in cui devono comunicare ai propri figli che a breve ci sarà una separazione. Sono le mamma che solitamente soffrono maggiormente questo momento.

chicks-805104_1280Domanda: C’è un modo, ci sono parole meno dolorose per comunicare la notizia? Quale saranno le reazioni dei nostri figli?

Elena:

Questa è la domanda che maggiormente mi viene posta dalle mamme coinvolte in tali situazioni. Non ci sono parole meno dolorose, i figli devono solo sentire di poter esprimere le loro emozioni. Mi accade spesso di rivedere le madri qualche tempo dopo e quasi tutte ricordano il momento della comunicazione della separazione tra i momenti più difficili della loro vita.

Domanda: I bambini che fanno? Si comportano in modo diverso in base all’età, c’è una qualche diversità fra bambini e adolescenti?

Elena:

Le situazioni sono molto diverse a seconda dell’età. Esistono madre iper protettive che fanno fatica a lasciar andare i figli e mettono in atto strategie che non aiutano il bambino nella separazione. Questo accade soprattutto sotto i tre anni. I ragazzi o bimbini a qualsiasi età si devono sentire liberi di poter vivere mamma e papà in piena libertà cogliendo le caratteristiche dei singoli.

Domanda: Hai detto che le madri sono quelle che in queste situazioni provano maggiore difficoltà a gestire la situazione. Esistono casi in cui parlano male degli ex mariti e, se sì, sono tanti questi casi?

Elena:

Sono rari i casi in cui le madri in modo esemplare parlano male del ex marito. Esistono però madri che non avendo fiducia nel padre dei propri figli con i fatti incentivano il rapporto e gli incontri, dall’altro esprimono le loro perplessità senza limiti; è abbastanza evidente che ciò crea una situazione difficile per i figli.

Domanda: Cosa crea nei bambini questo?

Elena:

La reazione dei figli è molto diversa solitamente la strategia più comune è quella di tenere i due mondi completamente separati così da ridurre il più possibile i conflitti.

La morale che ne ho tratto da tutto questo è che è vero che è difficile dividere i due mondi, genitore/coppia che si separa, ma è importante farlo nel rispetto dei figli stessi. Io ci ho provato durante il mio cammino, pur con una serie di difficoltà oggettive e, se a volte ho dovuto “mangiare bocconi amari”, ne sono fiera perché l’ho fatto per salvaguardare il più possibile la tranquillità e la serenità di mia figlia che suo malgrado si è trovata in una situazione dolorosa.

 

 

 

Articoli correlati

Categorized: Matrimonio
Tagged:
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione