Skip to content

(H)Open Week 2016: dal 22 al 28 aprile la settimana della prevenzione femminile

Dal 22 Aprile al 28 prenderà il via la (H)Open Week 2016 ovvero la settimana della prevenzione femminile.

Visite e consulti clinici totalmente gratuiti in ben 176 strutture contraddistinte dal “ Bollino rosa”.

Già in occasione di Expo 2015 è stato presentato il “Manifesto sulla salute della donna” che fissava degli obiettivi da raggiungere nel triennio 2016-2018.

Tra questi obiettivi c’erano:

  • Il potenziare la rete degli ospedali con i bollini rosa attraverso appunto Open Day dedicati alle patologie della sfera femminile.
  • Garantire su tutto il territorio nazionale le nascite sicure in luoghi sicuri dove ci sia presenza h24 di ginecologi, anestesisti, ostetrici e pediatri.
  • Informare meglio e incentivare i servizi utili per quella fascia di donne in età riproduttiva, ponendo attenzione a tutto ciò che è pianificazione delle nascite o alla loro prevenzione, passando per le cure contro l’infertilità o alle malattie sessualmente trasmissibili.
  • Ridurre la mortalità femminile per patologie cardio-vascolari, concentrandosi nel far luce sui fattori di rischio e promuovendo studi farmacologici più specifici, ben sapendo che il 51% dei decessi femminili sono dovuti a malattie cardiocircolatorie.
  • Combattere la depressione promuovendo la ricerca avvicinando alle cure e potenziando i servizi psicologici e psichiatrici nelle strutture fruibili dalla cittadinanza che possono aiutare a risolvere il problema.
  • Lottare per la riduzione dei tumori femminili, seconda causa di morte per le donne, potenziando le misure preventive, dall’alimentazione all’esercizio fisico, alla ricerca medica.
  • Ridurre l’obesità e il sovrappeso lavorando sullo stile di vita in generale.
  • Contrastare il dolore cronico, che limita la vita di 13 milioni di italiani di cui la maggior parte sono donne.
  • Migliorare la qualità di vita delle donne affette da patologie immuno-reumatiche, che colpisce molto spesso donne in età fertile compromettendo anche la vita lavorativa.
  • Prevenire il decadimento patologico cognitivo, puntando sulle diagnosi precoci.
  • Tutelare la donna anziana, anche migliorando le degenze ospedaliere e attivando una rete di servizi ad hoc.
  • Fermare la violenza sulle donneUn punto estremamente importante. I numeri sono implacabili, ben 6.743.000 donne tra i 16 ed i 70 anni sono vittime di abusi fisici o sessuali. L’obiettivo principale è quello di attivare il codice rosa in tutti i Pronto Soccorsi d’Italia, preparando il team medico sanitario dandogli una formazione specifica sulla violenza domestica.

La bellissima iniziativa, inaugurata in occasione della prima Giornata nazionale della salute della donna in programma per il 22 aprile, è promossa da Onda (Osservatorio Nazionale sulla salute della donna), con il patrocinio di altre 19 Società Scientifiche e Associazioni.

Migliorare l’accesso delle donne al Servizio Sanitario Nazionale, promuovere l’informazione sulle diverse patologie femminili per garantire un progresso nella Medicina di genere, sono tra gli obiettivi dei 248 ospedali con i Bollini Rosa”, spiega Francesca Merzagora, Presidente di Onda. “Per questo abbiamo accolto con soddisfazione l’istituzione della prima giornata dedicata alla salute della donna, organizzando un’iniziativa concreta ovvero raccogliendo l’adesione di 174 strutture che per una settimana in tutta Italia offriranno servizi gratuiti diagnostici, clinici e informativi per le patologie a maggior impatto femminile, epidemiologico e clinico […]Crediamo nel lavoro in rete di Istituzioni, Società scientifiche, ospedali, associazioni e welfare community per promuovere la salute della donna e promuovere la salute della donna significa promuovere la salute collettiva, a partire dalla famiglia”.

Attraverso i 174 ospedali che hanno aderito all’iniziativa, saranno offerti gratuitamente alle donne servizi clinici, diagnostici e informativi nell’ambito delle seguenti aree specialistiche:

  • Diabetologia
  • Dietologia e Nutrizione
  • Endocrinologia
  • Ginecologia e Ostetricia
  • Malattie e disturbi dell’apparato cardio-vascolare
  • Malattie metaboliche dell’osso
  • Medicina della riproduzione
  • Neurologia
  • Oncologia
  • Reumatologia
  • Senologia
  • Violenza sulla donna

Prevenzione è dunque la parola chiave. Si aprono le porte a tutte le donne che vorranno approfittare di questa splendida iniziativa. I servizi offerti sono consultabili sul sito www.bollinirosa.it con indicazioni di date, orari e modalità di prenotazione.
Buona salute a tutte.

Linda Smeraldi

Articoli correlati

Categorized: Eventi
Tagged: , ,
La redazione

La redazione

La redazione di Chizzocute è come una famiglia, grande e animata, composta da donne e uomini uniti da ideali di vita sostenibile, che pongono le relazioni umane al centro delle proprie scelte, consapevoli che tutti noi “siamo frutto della nostra famiglia”.

All posts by La redazione

Comments are closed.